Home    Forum    Cerca    FAQ    Iscriviti    Login     Ladder     Downloads
Nascondi Menu Principale
  Re-Volt
  Community
  Svago
  News
  Album Fotografico
Articoli
Re-Volt Classics
Re-Volt Classics Inviato il  Gio 13 Mar, 2014 15:49 Da TheFactor82
ARM Magazine
Re-Volt per noi di ARM (e non solo) resterà sempre quello classico per Windows ma di recente sono uscite 2 nuove versioni. A dicembre del 2012 per i dispositivi Apple con iOS 4.3 o successivi, e a fine aprile 2013 per I dispositivi Android che montano la versione 2.3 o superiore, ha fatto la comparsa sul mondo Mobile Re-Volt Classics.
Entrambe pubblicate dalla We Go Interactive Ltd. che detiene attualmente i diritti del gioco, sono pressoché identiche fra loro a differenza del prezzo. Per Android bisogna spendere 3,42€ mentre per iOS 5,49€. Inoltre è possibile sbloccare a pagamento tutte le auto, le piste e la modalità Clockwork; ma nulla che non sia ottenibile completando il gioco.
Per Iphone, IPad e Ipod esiste anche una versione demo gratuita.
Il gioco è disponibile soltanto in lingua inglese ma essendo molto intuitivo non presenta difficoltà particolari.

Passando al gioco vero e proprio si nota che la schermata iniziale è piuttosto scarna:



Start Race: porta alle varie modalità di gara.
Best Trial Times: visualizza i nostri migliori tempi fatti nella modalità cronometrata.
Progress Table: la classica tabella che indica gli obiettivi da noi raggiunti e quello che ci manca.
Store: Non presente nelle versioni precedenti, si possono comprare i pacchetti auto, piste e la modalità Clockwork.



Options: porta al menu delle opzioni di gioco, audio e controlli.
Le iconcine in basso a sinistra permettono di controllare i tempi migliori degli altri utenti (funzionalità non molto stabile) e condividere il link al gioco.

Come per la versione per PC ci sono 4 livelli di difficoltà: Easy/Medium/Arcade/Simulation.
Le modalità di gioco pure non differiscono nella sostanza:



Single Race: corsa singola sulle piste sbloccate.
Championship: Si possono correre le varie coppe dalla Bronzo alla Speciale.
Time Trial: permette di fare i classici tempi sul giro.
Practice: Per la conquista della stella di ogni pista e per allenarsi.
Stunt Arena: anche qua nulla di nuovo rispetto alle 20 stelle da conquistare nella versione tradizionale.
Clockwork Carnage: Sbloccabile completando l’Arena, è una corsa di 20 (30 su Windows) automobiline identiche, molto divertente.
Non è presente nessun tipo di modalità Multigiocatore.

Tra le opzioni di controllo del gioco c’è da segnalare addirittura 3 modalità diverse:



Touch Controls: solo freccette direzionali a destra e sinistra. L’auto resta sempre in accelerazione, rendendo il gioco piuttosto demotivante. Per frenare ed inserire la retromarcia bisogna premere entrambe le freccette, il che rende le manovre molto difficili.
Virtual Joypad: A destra dello schermo appariranno i tasti accelerazione e freno (che è anche retromarcia) e a sinistra le frecce direzionali. In aggiunta si può scegliere il ribaltamento dell'auto automatico o manuale.
Virtual Joystick: 2 controlli laterali da premere contemporaneamente per indirizzare l’auto. Abbastanza complicato nell’utilizzo. E' assente completamente l’opzione riposizionamento, che può creare qualche difficoltà in caso si rimanga incastrati o in fondo alla piscina del Toytanic. Anche il tasto clacson manca del tutto, ma tutto sommato non è utile.
Ci sono poi 3 differenti visuali di gioco, ma la più comoda resta quella classica da dietro l’auto.

Iniziando una qualsiasi tipologia di gara ci troviamo di fronte alla scelta del nostro Nickname e poi a quella dell’auto.



Qui troviamo la grossa differenza rispetto alla versione per PC, infatti le auto sbloccabili e selezionabili sono addirittura 42. Infatti il gioco pare sia un porting della versione SEGA Dreamcast che contava appunto questo grande numero di auto. Quasi tutte le vetture diverse da quelle per la versione Windows sono però dei repaint di quelle classiche, con parametri e prestazioni diversi. Molto caratteristici BigVolt e BossVolt rispettivamente un monster e una motrice di camion. Le scatole delle automobili sono identiche a quelle classiche.
Anche per le piste è presente una piccola/grande novità: nel secondo blocco di piste, quello della categoria argento, c’è Rooftops. Una pista molto ben fatta, anch’essa presente nella versione Dreamcast di Re-Volt.



In questa versione di Re-Volt non funzionano i cheat codes classici per sbloccare l’UFO, tutte le piste, l’auto Mystery etc..
I campionati sono le 4 classiche coppe: Bronze Cup, Silver Cup, Gold Cup e Special Cup (coppa di Platino nella versione PC) e sono molto simili alla versione classica. Lo scopo è arrivare a podio in ogni gara facendo più punti di tutti nel campionato. Il punteggio è il solito della vecchia F1: 10-6-4-3-2-1. La differenza sostanziale è l’aggiunta di Rooftops alla coppa Argento. Ci sono anche variazioni nel numero di giri delle piste, come ad esempio Toy World 1 Inversa nella Gold Cup che passa da 10 a 4 giri.

Nella modalità Time Trial il nostro compito è battere i tempi imposti dal gioco, per sbloccare le configurazioni diverse delle piste (Reversed, Mirrored e Reversed Mirrored - in italiano Inversa, Specchiata e Inversa Specchiata).



I tempi sono gli stessi della versione Windows, ma lo schermo piccolo li rende leggermente più complicati da battere, almeno usando le auto della categoria a cui appartiene la pista. Fino a quando il tempo non è battuto in alto verrà visualizzato il countdown dei secondi rimanenti, il che può essere leggermente fastidioso poichè oscura un po’ la visuale.

In tutte le modalità di gioco non vengono visualizzati i tempi sul giro, ma solo quello totale di gara e quello in corso.
Parlando di piccoli errori e particolarità del gioco, in lontananza, non carica lo sfondo delle piste (particolarmente visibile su Toytanic). In altre invece si vedono chiaramente i poligoni che la compongono (su Botanical Garden, in lontananza, si possono vedere i blocchi della parte sulla ghiaia). Alcune auto hanno le ombre sbagliate (Toyeca il caso più lampante), mentre per altre c'è qualche problema di texturizzazione (le ruote di Genghis Kar).
Rispetto alla versione per PC ci sono Istances delle piste mancanti come il dinosauro in fondo alla discesa in Museum 1 o una sdraio in Toytanic. Inoltre la casa di Toys in the Hood 2 è dipinta internamente di un colore differente.
L’unità di misura della velocità si può visualizzare in MPH e KPH anche nelle versioni scalate. Ma ad ogni riavvio verrà impostata sempre su SMPH.
Può capitare che il gioco vada in crash alla fine di un campionato o se rimane troppo in pausa, ma salva sempre i progressi effettuati.

Complessivamente il gioco è ben fatto, ha una buona fluidità anche senza possedere un top device, però forse è un po’ caro nel prezzo. Sicuramente un “must-have” per chiunque si definisca un appassionato di questo gioco (e abbia a disposizione uno smartphone / tablet). Il fascino del gioco rimane comunque inalterato, anche se il feeling con la versione PC resta pur sempre un'altra cosa.



Recensione basata sulla versione 1.0.3 del gioco per Android. A parte una leggera variazione grafica delle freccette direzionali, non si notano particolari differenze rispetto alle versioni iOS, sia in versione full che in demo.
Articolo scritto da Tia, pubblicato da TheFactor82.


 

Commenta questa notizia Stampa l'argomento Segnala via email l'argomento
Questa notizia ha  608 Visualizzazioni e 0 Commenti
Nascondi Menu RV Brothers
  RV Brothers


Copyright (C) 2000 - 2014 AliasReVoltMaster.com
Tutti i diritti riservati

Per qualsiasi problema, domanda, idea o suggerimento, potete scrivere ad arm@aliasrevoltmaster.com