Home    Forum    Cerca    FAQ    Iscriviti    Login     Ladder     Downloads
Per Cominciare
Benvenuto su Aliasrevoltmaster
Se hai bisogno di aiuto per l'installazione di Re-Volt, e non sai da dove iniziare, clicca QUI per leggere la guida introduttiva.
Se sei già pronto e vuoi giocare a Re-Volt online invece, clicca QUI per avere tutte le informazioni.
Attività Recenti
Ultimi tempi Ultimi topic Topic più visitati Ultimi post
11:07.702 di Black Re-Volt con Red Kermit su Ruddles County
00:42.175 di AngelS93 con Humma su Rooftops
00:48.127 di Etneus95 con Toyeca su Toytanic 2
00:20.724 di lorydc90 con Col. Moss su SuperMarket 2
00:22.566 di lorydc90 con Toyeca su Botanical Garden
23 Mar Ciao a tutti di brombolo71
22 Mar FormuliARMo 2017 di Tia
22 Mar Rassegna stampa... di Michelangelo
19 Mar Cd originale gi... di alex
16 Mar Ehila fra di NIKItolearn
28276 Re-Volt Racing ... di Lo Scassatore
17992 Compleanni di bmascy
16658 Il Topic inutile di TheFactor82
9387 Re-Volt HD Mod di TheFactor82
8036 RE-VOLT 1.2 PATCH! di antonio
28 Mar 23:54:01 RVGL Project di TheFactor82
28 Mar 23:52:02 ARM Track Edito... di TheFactor82
28 Mar 23:38:40 ARM Track Edito... di AngelS93
28 Mar 21:20:21 Serie BRM 2017 ... di Marco repainter
28 Mar 20:13:47 ARM Track Edito... di Marco repainter
El Topicator ver. 2.0 CopyRight (C) 2011-2013 Lo Scassatore (Scassatore Software Solutions)
Social Network
 Facebook
 Google+
Nascondi Menu Principale
  Re-Volt
  Community
  Svago
  News
  Album Fotografico
Revolvermaps
Visitatori ultimi 7 gg
Le Interviste Di THE B! - Michelangelo
Le Interviste Di THE B! - Michelangelo Inviato il  Dom 05 Mar, 2017 21:50 Da THE_B
ARM Magazine
Intervista del 5 marzo da THE B! a Michelangelo

TB: Oggi intervisto il moderatore del forum. È un piacere Michelangelo.
MC: Ciao The B!, piacere mio!

TB: Michelangelo, quanta originalità nel tuo nick.
MC: Ahahah hai visto? Beh diciamo che non sono un tipo molto “fantasioso”, mi piace essere chiamato per il mio nome e quindi mi sono registrato su ARM senza pensare a nessun nick in particolare

TB: Come hai conosciuto il gioco Re-Volt?
MC: L’ho conosciuto per caso in un’estate di circa 10 anni fa. Avevo appena acquistato un nuovo PC perché il vecchio si era rotto, e chiesi ad un amico di mio padre di inserirmi qualche gioco carino sul nuovo computer. Uno di questi era Re-Volt...

TB: E il sito Alias Re-Volt Master?
MC: Anche ARM l’ho conosciuto per caso, durante le vacanze di Natale del 2009. In quel periodo avevo voglia di cercare qualche pista custom per Re-Volt perché, una volta prese tutte le stelle dell’arena e conquistata la coppa di platino, non sapevo più cos’altro fare con le piste originali. Così, nel fare una ricerca, mi comparve come primo sito su Google il seguente sito: “AliasReVoltMaster, la community italiana più grande di Re-Volt!”. In quel momento ero sia stupito che felice, non potevo mai immaginare che per un gioco così vecchio potesse esserci addirittura un intero sito dedicato! A quel punto, scaricai qualche pista custom (la prima in assoluto fu Playa+), visitai il forum e mi iscrissi proprio il 1° gennaio del 2010, nell’attesa del pranzo di Capodanno. Da lì poi scoprii che non solo vi era un sito totalmente dedicato a Re-Volt, ma che era pure abbastanza attivo a livello di competizioni on-line! Così mi sono informato, mi sono iscritto al primo torneo (il Krazy Kart Championship) e ho fatto il mio esordio online precisamente il 21 gennaio 2010 su Wheel City, vincendo addirittura la gara d’esordio assoluto e portando poi a casa anche la vittoria finale di quel torneo!

TB: La tua auto preferita e perché.
MC: Quando ancora non ero iscritto su ARM e mi dedicavo a cercare di vincere la coppa platino, conoscevo poco le varie vetture del gioco e quindi sceglievo sempre la stessa perché era quella che esteticamente mi attirava di più, ossia la Adeon. Di lei mi ha sempre colpito la carrozzeria e il colore rosso che richiama la Ferrari, è stata la mia compagna di avventure. Quando invece ho cominciato a bazzicare on-line e a conoscere quindi tutte le vetture del gioco, mi sono appassionato alla Toyeca. Soprattutto nel 2010 abbiamo disputato una marea di RRN con le Toyeca repaintate da Kratos e questo probabilmente ha contribuito a farmela diventare forse la vettura preferita.

TB: So che hai dato del filo da torcere al suino. Da questo si deduce che in gara sei molto bravo…
MC: Sì beh, diciamo che con il suino ci sono state molte belle battaglie, ma non solo con lui. Ora come ora, posso considerarmi di aver fatto parte di due generazioni diverse di Re-Volters perché, fino al 2012, le battaglie erano con altra gente che ora magari non c’è più o corre poco, ma che merita di essere menzionata in quanto validissimi corridori. Nel 2010 innanzitutto l’avversario numero uno del mio primo torneo è stato TheFactor: in passato, correndo anche più frequentemente, era davvero un osso duro e ricordo ancora bene le nostre magnifiche battaglie nel primo KKC, lo stesso Scassatore era abbastanza ferrato soprattutto con Toyeca. Oltre a loro, c’era anche un certo Antonio che era fortissimo sia con i bonus che senza, in quei tempi era lui l’avversario da battere. A quel punto, mi sono allenato pesantemente nelle prove cronometrate per cercare di studiare tutti i minimi dettagli di ogni pista e di ogni auto, cercare di migliorarmi sempre fino a quando poi sono riuscito a superare molti dei record che erano presenti in quel momento (anche se ora sono Drakan e Lory ad averne più di me :D). Poi dal 2012 circa, per vari motivi, gli “avversari” sono cambiati perché non corrono più o corrono di meno e, contestualmente, Drakan e Lory hanno fatto il salto di qualità e sono diventati fortissimi. Credo di poter dire quindi che il 2012 sia stato l’anno in cui si è passati alla “next gen” ahahah. In quegli anni noi tre correvamo spesso delle RRN e l’esito finale era sempre equilibratissimo, una volta magari vincevo io di 2 punti, l’altra vinceva Lory di 3 punti, l’altra ancora vinceva Drakan con 1 punti, un’altra volta ancora siamo arrivati in ex-aequo tutti e tre! Insomma, da quel momento in poi noi 3 abbiamo dato adito ad intense ed epiche battaglie che hanno deciso l’esito di molti tornei. Tuttavia vorrei precisare che non sono gli unici avversari con cui ho battagliato, in questi 7 anni ho avuto modo di incontrare tantissimi giocatori validi, ognuno con caratteristiche e qualità diverse, tutti quanti meriterebbero una menzione di merito. E soprattutto, l’ingrediente segreto della bellezza di queste battaglie è l’amicizia che ormai ci unisce, noi di ARM siamo una famiglia, ci conosciamo da tanto tempo ed insultarci bonariamente è uno dei momenti più belli dei tornei

TB: Preferisci si bonus o no bonus e perché?
MC: Beh, diciamo che sono sempre stato un fautore delle battaglie no bonus. Il pathos che creano le gare senza bonus è unico nel suo genere, le gare decise da una traiettoria rischiosa, un sorpasso azzardato, distacchi ridottissimi… Stupendo Anche le gare sì bonus comunque hanno il loro fascino, aumentano l’imprevedibilità dell’esito finale. Oltre a questo, i bonus restano comunque il simbolo di Re-Volt, lo stesso logo richiama proprio ad essi. Tuttavia, storicamente non sono proprio fortunatissimo con questi oggettini ahahah, quindi anche per questo motivo preferisco correre senza i pick-up.

TB: Quali sono gli avversari con cui lotti maggiormente?
MC: Attualmente gli avversari con cui lotto maggiormente sono Drakan e Lory, quelli con i quali ho avuto modo di tenere diverse battaglie negli ultimi anni. Negli ultimi tempi c’è anche Gigi che ha fatto passi da gigante e ogni giorno diventa sempre più forte. Ma, in ogni caso, non sono gli unici avversari con cui lotto maggiormente, nel corso delle ultime RRN ho avuto modo di lottare con la vittoria praticamente con tutti: con Angelo, con Etneus, con Marco “rep futuristico” e con tanti altri.

TB: Pensi di conoscere tutte le traiettorie del gioco?
MC: Beh, io sono del parere che non si finisce mai di imparare, ogni auto ha una propria caratteristica e ci sono alcune traiettorie che, in base alla vettura che si guida, vanno affrontate in maniera diversa. Diciamo che l’intero periodo passato sulle prove cronometrate aiuta molto in tal senso anche se, con auto veloci, alcuni tagli sono difficili da fare (cito ad esempio il taglio del tornante della luna su Museum 2, il taglio sotto l’auto su TITH1) e sono molto rischiosi da affrontare nelle gare on-line, quindi servono più che altro per migliorare il tempo sul giro secco.

TB: So che sei il moderatore del forum. Dicci come ci sei diventato e la tua prima reazione a questo importante incarico.
MC: Ricordo bene la prima reazione quando ho visto che il mio nick era diventato blu, era esattamente la sera dell’Epifania del 2011 e non posso dimenticarlo. Il kappo mi aveva già anticipato qualche mese prima che mi avrebbe promosso a moderatore e ho accettato senza esitazioni e con molta gioia, ma non mi aveva detto il giorno preciso in cui mi avrebbe promosso a tale incarico. E così, la sera di quel 6 gennaio, faccio un login sul forum e quando vedo che il mio nick è diventato blu ho pensato fossi daltonico Dopodiché ho letto il PM che TheFactor mi aveva mandato con su scritto “Sorpresa! :D”. In poche parole la sorpresa è un po’ come se me la fossi rovinata, perché prima ho visto il mio nick col colore diverso e poi ho letto il suo PM! In ogni caso è stata comunque una sorpresa perché non sapevo il giorno dell’effettiva promozione, quindi certamente è stata una reazione di estrema felicità.

TB: È un compito difficile?
MC: Difficile no, anzi, è anche piacevole. Tuttavia ci sono stati dei momenti in passato, precisamente nell’estate del 2011, dove su ARM si è vissuto un periodo non propriamente tranquillo e bisognava gestire bene la situazione. Negli ultimi tempi però il mio compito verte più che altro in qualcosa di organizzativo come ad esempio modificare qualche messaggio, spostare qualche topic in sezioni diverse, stare attento ai double post ecc… In ogni caso si tratta di una maggiore responsabilità e sono molto onorato di averla.

TB: Hai creato qualche torneo?
MC: Sì, ho sia creato che organizzato qualche torneo. Il primo format che ho ideato è stato il Custom Levels Cup, un torneo disputatosi nella primavera del 2010 con Toyeca e su alcune piste custom scelte dai concorrenti (mi sono iscritto su ARM a causa delle piste custom, il mio primo torneo ideato era basato sulle piste custom, recentemente insieme a Drakan e Tia ho creato il pack delle piste custom da utilizzarsi per le RRN.. Penso che si sia capito che gradisco molto le piste custom vero? :D). In assoluto però, la mia soddisfazione più grande è data dall’ARM Track Editor Fight, un torneo ideato da me e TheFactor verso dicembre 2010 e che tuttora è un appuntamento fisso ed è giunto alla dodicesima edizione. Sono molto contento che insieme al Capo abbia ideato un format che sia molto gradito, diverso dagli altri, e che complessivamente in 6 anni ha fatto registrare ben 32 concorrenti! Per me ormai non è Natale se non c’è l’ATEF Oltre a questo, ho anche aiutato Scassa nell’organizzazione di alcune edizioni del Krazy Kart Championsip, altro torneo che per me ha un elevato valore affettivo e spesso sono l’addetto alla creazione/gestione del file Excel dei vari tornei.

TB: Quanti ne hai vinti?
MC: Visto che sono un amante delle statistiche, annoto i risultati di tutti i miei tornei su un file Excel personale! Diciamo che, considerando i tornei ufficiali e le varie RRN, in questi 7 anni ho disputato quasi 300 tornei e ne ho vinti la metà. Il 2012 forse è stato il mio migliore anno a livello di rendimento mentre il 2015 forse è stato il peggiore complice anche Lory e Drakan mostruosi. Fra questi, le vittorie più belle sono state le due edizioni consecutive vinte del Torneo del Compleanno e la prima edizione del KKC nel 2010.
TB: Ti ringrazio di avermi dato il file su mia richiesta. Vi metto uno screen delle statistiche. Se qualcuno volesse consultare il file dovete chiedere a Michelangelo.
screenshot_21

TB: Hai mai collaborato con qualcuno per i tuoi progetti o quelli altrui?
MC: Sì. Fra la primavera e l’estate del 2011 ho aiutato TheFactor, Scassa, Kratos e Tia nelle operazioni di trasloco dei materiali dal vecchio al nuovo sito di ARM. TF e Scassa hanno fatto il grosso del lavoro, io mi sono limitato ad aiutarli insieme a Kratos nello spostamento dei contenuti della sezione Downloads e dell’albo d’oro, Tia si è occupato dell’inserimento di tutti i tempi nella sezione del Ladder. Insomma, tutti abbiamo dato il nostro contributo! A livello di repaint o creazione piste invece, non ho partecipato a nulla di ciò perché non saprei nemmeno dove mettere le mani, ma fortunatamente su ARM abbiamo tutti delle qualità diverse e c’è gente come Kratos, FBV, Scassa, Burner e Marco repainter a fare questo lavoro, Hermes e TF che si dedicano alla progettazione e tanti altri.

TB: Hai partecipato anche ai raduni. Cosa mi racconti?
MC: Sì, ho partecipato a due raduni, ossia quello del 2014 e del 2015. Che dire, l’emozione provata nel primo raduno quando ho potuto conoscere anche fisicamente alcuni utenti di ARM è stata bellissima. Il weekend del raduno è sempre un momento particolare, hai la possibilità di parlare dal vivo con gli altri utenti, discutere dei progetti, mangiare insieme, insultarsi in diretta… Il raduno è la perfetta rappresentazione del concetto di “famiglia” che ci contraddistingue. Del capitolo raduni, oltre all’esperienza in sé per sé, è doveroso rammentare l’eccellente accoglienza che ogni anno ci riservano i genitori del Capo, meritano un ringraziamento enorme e se il raduno è uno dei momenti più belli è anche grazie a loro. Inoltre approfitto della situazione per raccontare un episodio in particolare del primo raduno e di quanto Hermes mi sia stato di grandissimo aiuto per permettermi la partecipazione ad esso. Praticamente, prima dell’estate 2014 io non avevo mai preso l’aereo e giustamente avevo un po’ di timore nell’affrontare il primo volo perché non sapevo cosa mi aspettava. Hermes è originario di Taranto, città che si trova a 25 km da casa mia, quindi avremmo dovuto prendere insieme l’aereo sia all’andata che al ritorno. Tuttavia, ad un paio di mesi prima del raduno, si è dovuto trasferire a Bologna per motivi lavorativi e quindi avrei dovuto affrontare il primo viaggio in aereo da solo. Bene, lo sapete che ha fatto? Senza alcuna esitazione, visto che non avrei mai affrontato il primo viaggio da solo, la sera prima della mia partenza è sceso da Bologna a Bari col treno e poi da lì siamo partiti in aereo insieme, senza porsi alcun problema e facendo tantissimi km in più! Non finirò mai di ringraziarlo né di sottolineare questo episodio, e questo penso che basti per dimostrare che descrivere ARM come una vera e propria famiglia non è per nulla un termine esagerato.

TB: Grazie per aver risposto alle mie domande.
MC: Grazie a te per l’intervista!

TB: Saluta i lettori.
MC: Ciao a tutti! E mi raccomando, fate i bravi!

TB: Ci vediamo alla prossima intervista.


 

Commenta questa notizia Stampa l'argomento Segnala via email l'argomento
Questa notizia ha  11 Visualizzazioni e 0 Commenti



Nuovi Downloads
1.LS Monza (Ieri alle 22:21)
Final Version
2.Berm Lake Circuit (FRSAI Edition) (Gio 23 Mar, 2017 22:38)
Berm Lake Circuit (FRSAI Edition)...
3.GPX Frsai Edition (Mar 21 Mar, 2017 22:47)
GPX Frsai Edition
4.F1RCGP II - Ai Nodes (Mar 21 Mar, 2017 22:45)
Per FRSAI
5.F1RCGP - Ai Nodes (Mar 21 Mar, 2017 21:37)
Per FRSAI
Sondaggi


Copyright (C) 2000 - 2014 AliasReVoltMaster.com
Tutti i diritti riservati

Per qualsiasi problema, domanda, idea o suggerimento, potete scrivere ad arm@aliasrevoltmaster.com