Riflessioni sui bonus al Serie ARM

Vi va di fare una partita a Re-Volt on-line? Oppure volete partecipare ad un torneo? O non sapete come collegarvi con gli amici? Questo è il posto giusto per discuterne!

Moderatore: Michelangelo

Avatar utente
AngelS93
Utente
Messaggi: 1485
Iscritto il: lun 5 ott 2015, 20:47
Località: Modugno (BA)

Re: Riflessioni sui bonus al Serie ARM

Messaggio da AngelS93 » sab 12 set 2020, 18:19

Pur avendo letto e compreso anche le motivazioni di Etneus95 nel suo post, rispondo nell'ordine scritto da ciccio, che ha più o meno riassunto tutti i punti in discussione per la prossima edizione del Serie ARM.

Punto #1
Sono d'accordo per la completa eliminazione dei bonus dal Serie ARM, o comunque qualsiasi altra formula che ne possa ridurre il peso nell'ottica dei risultati ottenuti. Al contrario, eliminare i bonus anche dal Serie BRM è un tantino eccessivo secondo me, oltreché rischierebbe di allontanare eventuali neofiti o corridori poco esperti che, sentendosi già battuti in partenza, potrebbero decidere di non iscriversi o abbandonare prematuramente se dovessero accorgersi di non essere ancora pronti.

Punto #2 e punto #3
Pur dovendo per ipotesi decidere in un'unificazione delle auto e delle piste utilizzate nelle due modalità (anche se con l'eventuale eliminazione dei bonus, The Wrecking Yard perderebbe completamente la propria ragion d'essere), sarei per un ampliamento "soft" almeno per le prime edizioni dall'eventuale introduzione. Essendo il materiale custom quello che si presta maggiormente a creare divari tra i giocatori in base al grado di esperienza, occorrerebbe quantomeno limitare l'introduzione ad auto dalla maneggevolezza non complessa, che faciliterebbe l'adattamento (e quindi ad es. niente auto dal comportamente più realistico, come le FRSAI), ed a livello di piste escludendo tracciati di elevata lunghezza e/o difficoltoso adattamento (es. School's Out, Sakura ecc.). Assolutamente contrario invece all'eliminazione degli eventuali "doppioni", se così si possono chiamare.

Punto #4
La proposta di una selezione di auto e piste "esterna" ed uguale per tutte le sfide mi entusiasma moltissimo. Per intenderci, anche l'inversione casa-trasferta mi va bene anche se è qualcosa di formale, che non cambia in sostanza quelli che sono gli effetti delle sfide. La proposta della selezione esterna è invece più radicale e sposterebbe davvero gli equilibri, eliminando le proposte quasi "ricattatorie" (ad es. la proposta di due auto DEV) che sbilancerebbero in maniera significativa la sfida a favore di chi propone le auto (come ha giustamente osservato Etnico, le piste, salvo forse le S e IS, non sono risolutive più di tanto) e dall'altra parte stimolerebbe la duttilità e la necessità di adattarsi dei partecipanti, che si troverebbero ad avere limitata discrezionalità sulle modalità di gioco.

Punto #5
Così come ogni peso, ci dev'essere un contrappeso a favore dei partecipanti, pur con le variabili che ha inserito Ciccio nella proposta, che possono quindi avere un margine di autonomia, pur limitata, nel definire la propria strategia (appunto scartando un'auto e/o una pista). Pienamente d'accordo anche per questo punto.
Classe '93, studente di Economia e appassionato di Re-Volt di lunga data

Avatar utente
Tia
Messaggi: 2625
Iscritto il: ven 9 lug 2010, 16:52
Località: Brescia

Re: Riflessioni sui bonus al Serie ARM

Messaggio da Tia » dom 13 set 2020, 9:50

Visto che l'argomento è giustamente di nuovo di moda riprendo anche il post vecchio che era stato "ignorato" un po' da tutti.
Etneus95 ha scritto:
sab 29 ago 2020, 22:04
Carissimi, la questione resta aperta e spero nessuno se lo sia dimenticato. u.u Proprio qualche giorno fa si chiacchierava rispolverando alcune idee che erano uscite per sostituire la presenza dei bonus:
- fare tra le due tornate no bonus un'unica tornata "centrale" totalmente random sia auto che piste, come si è già fatto al BRM;
Questa mi sembra una proposta ragionevole se ci fosse un quasi plebiscito a favore dell'eliminazione dei bonus dal torneo del Serie ARM. Oppure random con bonus per mettere veramente alla prova i nervi dei piloti.
Etneus95 ha scritto:
sab 29 ago 2020, 22:04
- sostituire le tornate si bonus con tornate sempre no bonus ma con auto random anziché proposte dalla trasferta. Chi è in casa sceglie regolarmente le piste: questo mette molto alla prova le abilità di entrambi i piloti, anche chi è in casa poiché, sebbene abbia il vantaggio della scelta, non sa ancora quale auto uscirà su quella pista. Il vantaggio viene equilibrato per l'appunto con la seconda tornata con questo formato.
Anche questa è una proposta che riterrai valida ma personalmente mi piace di meno, comunque il torneo resta equilibrato.
Etneus95 ha scritto:
sab 29 ago 2020, 22:04
L'introduzione di un coefficiente di ponderazione tra gironi si/no bonus (oltre a non risolvere la presenza dei bonus) personalmente non mi attira molto, non amo i grandi calcoli nei tornei... vedi le radici quadrate di logaritmo di ventuno al compleanno per decretare il miglior terzo... ma era stata proposta ed è giusto menzionarla.
Semmai una semplice soluzione in extremis nel caso non si raggiungesse un accordo sull'eliminazione dei bonus potrebbe essere di modificare il sistema di punteggio per le fasi si bonus in 2-1-0 come la Serie A pre-1994 e mantenere le no bonus a 3-1-0.
Cervellotica :lol2: Apprezzo però lo sforzo.
Etneus95 ha scritto:
sab 29 ago 2020, 22:04
Inoltre si proponeva di reintrodurre le Demo-DEV, anche solo qualcuna non troppo uguale alle stock (ma neanche Pyro o Ufo vi prego), per reintegrare elementi di varietà e imprevedibilità nel torneo.
Ne parlo più approfonditamente sotto, ma io sono favorevole ad allargare il parco auto che era stato ridotto per pressioni da parte dei piloti. Forse ora che c'è stato un rimescolamento generazionale le forze in gioco sono cambiate.

Etneus95 ha scritto:
sab 12 set 2020, 14:35
Dunque IDEA per i prossimi SERIE ARM e COPPE: trasferire il potere di proposta delle due auto al padrone di casa.
In altre parole si fa al contrario di adesso: chi è in casa propone due auto, l'ospite ne sceglie una tra le due, e poi si corre come di consueto sulle piste del padrone di casa.
Questo assicura che chi gioca in casa abbia la PIENA possibilità e responsabilità di stabilire con che carte si giochi la partita. LA SFIDA DI RITORNO RISTABILIRÀ GLI EQUILIBRI, come sempre!
In una sfida 1v1 ritengo sia DI GRAN LUNGA più determinante la scelta dell'auto rispetto a quella delle piste, ed è legittimo che il padrone di casa abbia la prima parola anche su questo aspetto, proponendo due auto a lui congeniali. Solo allora l'ospite sceglierà tra le due la sua preferita.
Su questa idea sono completamente contrario, non se ne parla. Volendo se si considera più importante la proposta delle auto rispetto alle piste si può cambiare la denominazione casa-fuori casa che è nata puramente perché logica dal punto di vista del nome. In casa si sceglie il terreno di scontro. Lo spostare tutto da un parte rende molto avvantaggiato chi ha tempo di prepararsi alla sfida rispetto a chi gioca occasionalmente, che è uno degli scopi cardine del torneo. Il non avere il completo controllo delle modalità di scontro rende lo stesso un po' più imprevedibile.
ciccio ha scritto:
sab 12 set 2020, 16:10
Proposta #1: Eliminazione completa dei bonus da entrambe le competizioni (Serie ARM e Serie BRM).
Il motivo non è quello di far vincere il più forte o perchè il Serie ARM è un torneo d'elitè. Il motivo è che i bonus come sono adesso su Re-Volt sono sbilanciati, sia di percentuali che di posizioni sulla pista. Non esiste un modo per gestire le percentuali dei bonus, quindi molto spesso le gare vengono decise nei primi istanti e risultano noiose. Non è un problema unico di chi perde: vincere in questo modo fa schifo tanto quanto perdere perchè non c'è gusto nel giocare la gara. Far competere i più lenti usando i bonus in un torneo 1 vs 1, secondo me, NON vale far finire tante gare nei primi 20 secondi del primo giro e rendere nullo il divertimento.
Per il BRM dovete passare sul mio cadavere. Per il Serie ARM, come ho detto prima, se ci fosse una grossa maggioranza (6 su 8 partecipanti o 7 su 10 se contiamo i retrocessi) se ne può parlare. Una riduzione della loro importanza però mi sembra che sia approvabile da tutti.
ciccio ha scritto:
sab 12 set 2020, 16:10
Proposta #2: Unificare la scelta di piste e di auto tra Serie ARM e Serie BRM.
Secondo me la distinzione tra Serie ARM e Serie BRM dovrebbe essere unicamente basata sui partecipanti e sul livello di skill degli stessi. Nel calcio non mi sembra abbiano regolamenti diversi in Serie A e in Serie B, perchè la difficoltà è data dai partecipanti stessi, non dai regolamenti diversi.
Era stata ridotta al Serie ARM perché qualcuno piangeva, per me va bene.
ciccio ha scritto:
sab 12 set 2020, 16:10
Proposta #3: Ampliare e modificare la scelta di piste e di auto.
Attualmente siamo bloccati alle auto originali (comprese le Dreamcast) che tutto sommato non sono male per un qualsiasi nuovo arrivato. Ma per chi ancora gioca a Re-Volt e chi ci ha giocato per vent'anni, questa scelta risulta moderatamente limitata, soprattutto di fronte alla quantità industriale di contenuti aggiuntivi presenti su Re-Volt Zone, molti di questi anche di ottima qualità. Per questo la mia proposta è di scegliere (come è già stato fatto per il BRM quest'anno), delle auto e delle piste valide di buona qualità da aggiungere alla selezione complessiva. Inoltre si potrebbero rimuovere delle piste e delle auto che magari vengono viste come doppioni e/o favorirebbero un certo giocatore in determinate condizioni (ad esempio rimuovere uno dei due toytanic oppure una tra Toyeca e PurpXL). Questo, ai regolamenti attuali, migliorerebbe le possibilità di vittoria del giocatore in casa, oltre ad aumenterebbe il fattore imprevedibilità.
Togliere delle piste o auto originali no, però ad ampliare la scelta di entrambe sono favorevole, eliminando anche qualche doppione "vero" non solo simile. Se parliamo di TT1 e TT2 magari potrebbero essere di vietarle nella stessa sfida. Per l'ampliamento delle piste e auto sono d'accordo con quanto dice Angelo, ovvero molto graduale e niente di inadatto al torneo. Per il 2021 potremmo fare 3 piste custom e una decina di auto.
ciccio ha scritto:
sab 12 set 2020, 16:10
Proposta #4: Limitare la scelta di piste e auto per ogni determinata giornata.
Ovvero: per ogni giornata, quando vengono annunciate le sfide da disputare, vengono annunciate anche le piste e le auto tra cui è possibile scegliere, verso delle piste compreso. Per esempio, si potrebbero scegliere N piste tra tutta la selezione di piste e M auto tra tutto il parco auto, ogni giocatore in casa durante la prima giornata potrà scegliere 6 tra le N piste e ogni giocatore fuori casa potrà proporre 2 tra le M auto disponibili. Al termine della giornata verrano scelte altre N piste e M auto con cui svolgere la sfida della seconda giornata e così via. Questa proposta permette a tutti di giocarsela alla pari e spinge tutti a capire e provare auto diverse senza essere fonte di scoraggiamento, perchè parliamoci chiaro, è abbastanza difficile trovare la forza di volonta (o anche il tempo) per mettersi lì a provare tutte e 40 le auto di Re-Volt per capire ognuna come si comporta su tutte le piste. Provare invece solo 5 auto sulla decina di piste possibili ogni giornata è molto più plausibile, e permette a tutti di arrivare preparati alle sfide, garantendo una sfida più equa.
Questa no, troppo a favore di chi ha tempo di prepararsi. Inoltre, anche senza allenamento da parte di entrambi, aumenterebbe la componente fortuna. Se capiti contro uno che è bravo nel pool di piste disponibili vanifichi il tuo vantaggio della possibilità di scelta. Diciamo che non è equo.
ciccio ha scritto:
sab 12 set 2020, 16:10
Proposta #5: Permettere a chi non sceglie di bannare una o più auto/pista per la sfida.
Bannare una pista o un'auto significa togliere all'avversario la possibilità di scegliere quell'auto. Bisogna annunciare i propri ban prima che l'avversario annunci le sue auto proposte o che vengano scelte le piste. Questa proposta si può integrare nel regolamento in molteplici modi, ad esempio permettendo solo a coloro che hanno una patente arm decorosa di bannare auto o piste, oppure assegnando un numero limitato di ban in un determinato periodo di tempo. In qualsiasi modo venga implementato, il risultato è sempre lo stesso: aiuta a evitare disfatte totali come quella citata da Etnico nel post sopra che vengono generate puramente dal tipo di auto scelta, specialmente nel caso in cui la scelta di piste/auto è limitata e ogni pista/auto appartiene a un archetipo differente.
Proposta fattibile, onestamente non ne vedo la necessità, ma potrebbe essere interessante dal punto di vista strategico.
Magari un ban per girone, ma mai contro lo stesso avversario per non creare delle piccole faide. Il tirare in ballo la patente ARM è da studiare come, per non penalizzare i neo iscritti. (al BRM)

Ringrazio tutti per i loro interventi e proposte, per quello che è diventato un po' di torneo di tutti e non solo mio.
Vorrei molti più feedback, anche da parte di utenti che si esprimono meno sul forum per farmi un'idea più chiare delle opinioni di tutti. In sede di decisioni penso che però saranno necessari dei sondaggi Telegram almeno sulle questioni più importanti e spinose.
I miei tornei:
Formula ARM (feat. Iko-kun)
Game of Thrones' Cup I e II
Serie ARM 2015 / 2016 / 2017 / 2018 /2019 / 2020
Serie BRM 2016 / 2017 / 2018 / 2019 / 2020
ARM CUP 2018 / 2019 / 2020(feat. WheelSmith18)

ARM Card

Avatar utente
TheFactor82
Amministratore
Messaggi: 7674
Iscritto il: gio 4 mag 2006, 21:26
Località: Torino
Contatta:

Re: Riflessioni sui bonus al Serie ARM

Messaggio da TheFactor82 » mar 15 set 2020, 10:06

Fino ad ora ero stato zitto perchè ormai non partecipando più a questo torneo non volevo intervenire su cose che alla fin fine non mi riguardano più di tanto... Però penso che forse, un po' come admin e un po' come ex partecipante, due parole possa anche spenderle.

Io sono estremamente contento di come porta avanti l'evoluzione di questo torneo il nostro Tia .
Un po' perchè è aperto a nuove proposte, un po' perchè mantiene i piedi saldi evitando di "snaturarlo".

Detto questo, ho visto passare proposte estremamente fantasiose insieme a proposte assolutamente interessanti, e quindi volevo farvi sapere che, sebbene contrarissimo alla diatriba legata ai bonus (che a mio avviso in un torneo "completo" come questo, DEVONO esserci, a prescindere dalla categoria), credo che sostituire l'andata-ritorno si bonus (con gli stessi dettami della no-bonus) con un girono unico senza andata e ritorno, ma con auto e piste random (ma SI BONUS, SIA CHIARO... Magari limitando questo solo girone a auto e piste stock), potrebbe essere un buon compromesso per accontentare chi dei bonus continua a lamentarsi...

Per quanto riguarda il fatto di scegliere auto in trasferta e il suo peso, son d'accordissimo con Tia. Prima di tutto, parliamo sempre di andata e ritorno, quindi non c'è uno "squilibrio". Secondo, è sempre una questione strategica. Chi la sfrutta a proprio vantaggio è giusto che vinca, 4-2 o 6-0.

Le altre cose, sono veramente piccolezze che secondo me non cambiano l'equilibrio del torneo, e anzi rischiano di aggiungere regole regoline e regolette che poi diventa difficile controllare e ricordare (ma che vi frega se correte Toytanic 1 e 2??? Correte! :lol2: ).

Ricordo a tutti che i bonus su Revolt ci sono da sempre. E da sempre, sono "squilibrati". Non è una novità di oggi. E io non ho memoria di un torneo vinto/perso grazie a/per colpa di una stella random (magari è anche successo eh, però dai, ricordiamoci sempre che stiamo giocando al pc...) Capisco abbassarne il "peso specifico", ma non privatevene completamente!
My Gp's:
10 Settembre 2000: Monza - ITA (F1)
24-25 Aprile 2004: Imola - RSM (F1)
07 Ottobre 2007: Monza - ITA (WTCC)
31 Agosto 2008: Misano - ITA (MOTOGP/250/125)
05-07 Settembre 2008: Spa Francorchamps - BEL (F1)
20-22 Luglio 2012: Hockenheimring - GER (F1)
07 Settembre 2014: Monza - ITA (F1)
14 Aprile 2018: Roma - ITA (FE)

My ARM Card

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti