Riflessioni sui bonus al Serie ARM

Vi va di fare una partita a Re-Volt on-line? Oppure volete partecipare ad un torneo? O non sapete come collegarvi con gli amici? Questo è il posto giusto per discuterne!

Moderatore: Michelangelo

Rispondi
Avatar utente
Etneus95
Utente
Messaggi: 312
Iscritto il: ven 4 nov 2016, 13:13
Località: Catania
Contatta:

Riflessioni sui bonus al Serie ARM

Messaggio da Etneus95 » sab 4 apr 2020, 3:08

Cari amici, apro questo topic per riportare in maniera ordinata e ripulita la mia "arringa" sul tema Presenza dei bonus al Serie ARM (orazione preceduta da una sessione di reiterate proteste verbali degna del miglior Vittorio Sgarbi :mrgreen: ), sparpagliatasi in più di mezz'ora di dibattito su Telegram tra centinaia di messaggi di altri utenti.
Spero che NON prendiate questo mio intervento come uno sfogo perché non lo è. Voglio sollevare col massimo della razionalità dei punti in cui credo fermamente da molto tempo, e che spero possano sensibilizzare qualcuno di voi, specialmente i miei compagni di Serie ARM e gli organizzatori.

(OMMIODDIO CHE PAPIRO CHE HA SCRITTO ETNICO! Sticà, fatti il segno della croce che Michelangelo patrono dei papiri ti protegge.)


"
Vorrei chiedere a tutti i partecipanti del Serie ARM se si sono recentemente divertiti durante le proprie sfide coi bonus. Perchè alla fine dei giochi, quello che leggo/sento per commento è MOLTO spesso <<Sfida iniqua, decisa pesantemente dai bonus.>> o <<Tizio ha sculato, lui sei missili io due bombe, vergognoso!>>, talvolta addirittura costringendo il vincitore a scene surreali e pietose di "pentimento", della serie <<Ha ragione, non meritavo la vittoria>>... :ladro:

Allora se siamo coerenti, e una vittoria decisa dai bonus è davvero immeritata, ELIMINIAMOLI!
Rispetto alle fasi no bonus, credo si contino su una mano gli incontri si bonus in cui entrambi i giocatori escono stringendosi la mano soddisfatti dicendo "CHE BELLA QUESTA SFIDA SI BONUS!", senza che tirino madonne contro gli sviluppatori di questo gioco o contro l'avversario.
Questo è il mio quarto ARM-BRM, e sinceramente ho sparsi ricordi di sfide si bonus che non mi abbiano fatto domandare che senso avesse tutto ciò e che potessero seriamente ricevere quell'etichetta di indimenticabile "duello epico" all'ultimo bonus. Ricordo molti più duelli epici all'ultima traiettoria... ;-)

Finché un campionato stagionale della durata di 9-10 mesi che si propone come la punta di diamante del calendario annuale di ARM sarà definito per il 50% dei suoi appuntamenti dalla ruota della fortuna, io potrei anche non partecipare più. Ma sono certo che non sarà questo il punto che vi persuaderà.

A tutt'oggi sono ancora molto pessimista sull'eliminazione dei bonus, perché l'atteggiamento regnante è che "È Re-Volt e si deve giocare coi bonus", ma credo sia il caso di affrontare la questione intavolando per bene le argomentazioni.
Dal mio canto, spero che ad altri venga il buon senso di iniziare a dubitare che per giocare a dadi esistono le RRN. I tornei sono cose diverse.
-Qui Ionico mi ha detto: <<Giocare a Re-Volt è come giocare a Mario Kart in un certo senso>>
Ho risposto: <<Giocare il Serie ARM è come cercare di fare i record in cronometrata su Mario Kart tenendo attive le banane e i funghi blu>>

Sinceramente ragazzi, non vedo più come si possa legittimare ad oltranza un torneo di massima serie (in cui quindi si suppone che si gareggi per vincere oltre che per divertirsi) che viene giocato per metà pregando Dio di non avere una bomba, e dove anche se guidi bene e recuperi tanto quello ha la scossa pronta da due giri, o se pure riesci a sorpassare ti ficca tre missili in culo e finisci in orbita.
Siate onesti con voi stessi: non è divertente. Non in questo torneo.

-Carmy a questo punto mi ha detto: <<Etnico ci sono tornei di Hearthstone dove grazie al culo vinci MIGLIAIA di euro! Non vedo perché in un torneo di Re-Volt non possa incidere il culo>>
Personalmente rispondo <<O giochiamo a carte [le RRN], o giochiamo alle corse [il Serie ARM]>>
Sapete qual è per me uno dei tornei più belli a cui ho assistito in questi 3 anni di ARM? L'ENDURANCE.
Dove chi è scarso perde e chi è bravo vince (cioè Ciccio, ma questo è un altro discorso). Mi dispiace, ma non mi è dispiaciuto per niente che in quel torneo non ci fosse il comodo salvagente dei bonus pronto a farvi scossare quelli che vi superano perché girate più lenti o perché vi siete ribaltati malamente. E sia chiaro, anche io ho mangiato la polvere in molte gare di quel torneo quindi non intendo atteggiarmi a fuoriclasse.

Per me un gioco è bello dove vince chi è bravo. E a dimostrazione che Re-Volt è bbelloh, anche nelle RRN quotidiane spesso finisce così! Non credo che Gigi e Ciccio vincano il 90% delle RRN perché sono i più culoni... ;-)
Ma quando questa massima comincia ad essere ripetutamente violata in sedi più competitive, inizia a starmi stretta la cosa. Anzi, inizia a STARCI stretta. Perché questa massima è la stessa che ti fa infuriare quando arrivi tre volte ultimo in RRN perché tutti ti hanno scossato. Ti arrabbi perché sai che potevi giocartela, ma ha vinto quello culato che magari manco sapeva tenere la macchina sul dritto. Se sono legittime le vostre lamentele in RRN (non sempre lo sono, ma questo è un altro discorso), credo siano legittime le mie su un torneo come il Serie ARM.

-Intervento di Angelo: <<Io di base son d'accordo con ciò che dici, ma dall'altra sono anche del parere che privare del tutto il Serie ARM dei bonus, con la struttura che ha attualmente, lo farebbe diventare un torneo elitario, ed un campionato regge quando non solo il meritevole ha la possibilità di vincere, ma anche quando l'underdog ha la possibilità di giocarsela, altrimenti diventa il Trofeo Birra Moretti tra i campioni e tanti saluti. [...] Se si tolgono interamente i bonus, diventa a mio parere tavola imbandita per il campione di turno, faccio l'esempio tuo o di Ciccio>>

Gente, l'underdog ha SEMPRE la possibilità di giocarsela, ANCHE SENZA BONUS. Se uno ha bisogno di sperare nei missili o nella scossa per "giocarsela" non è un underdog, è scarso. L'underdog se la può giocare SE SI ALLENA, se sceglie la pista giusta, se propone l'auto giusta, SE NON SBAGLIA LA TRAIETTORIA. Questo è GIOCARSELA, avere opportunità di riscossa senza però giocare alla ruota della fortuna. Gli aspetti che ho appena citato (auto, piste, traiettorie, allenamento) sono la dimostrazione che il Serie ARM è un torneo molto ben congegnato e ha già tutte le carte in regola per offrire spettacolo e colpi di scena anche senza bonus.
Se poi il risultato di un torneo no bonus è una tavola imbandita per il campione di turno, BEN VENGA! Non ci vedo nulla di dannoso.
Qualcuno vuole forse introdurre le mazze e le fionde in campo perché la Juventus è il campione di turno da 7 anni? No.
La Serie A è una tavola imbandita per il campione di turno? Auguri agli avversari! RISCATTATEVI CON LE VOSTRE FORZE, se ne siete in grado! Questa secondo me dovrebbe essere la vera filosofia del torneo di punta di ARM.
E parlando di definizioni, l'underdog è colui che contro i pronostici sbaraglia il favorito. Ma i pronostici in base a cosa si fanno? Le abilità.
L'esordiente che strappa 3 punti grazie ai missili non è underdog, è sculato.
"


Alla luce di tutto ciò, sicuramente qualcuno vorrà rispondermi "Allora non è gioco per te, vai a giocare ad Assetto Corsa". Risposta sterile se l'avete pensata, perché sapete che amo Re-Volt quanto tutti voi e non mi sono mai tirato indietro per le RRN si bonus o i bei tornei in cui i bonus sono un valore aggiunto o addirittura i protagonisti (vedi la Toshinden che ritengo l'apice del Re-Volt si bonus), quindi non prendetemi per un talebano delle no bonus come Lory. :-P
Semplicemente sostengo che nel caso del Serie ARM i bonus non diano questo valore aggiunto, ma anzi rischino di compromettere per tutti i concorrenti un'esperienza lunga quasi un anno che magari, senza di essi, sarebbe più godibile: meno frustrante a causa di immeritate sconfitte, meno imbarazzante a causa di immeritate vittorie, più appagante di fronte alle proprie meritate vittorie...
Il primo passo per poterne parlare è mettere in discussione le nostre secolari, stagnanti abitudini ARMiane da conservatori, alla luce delle quali interventi come questo vengono tacciati di radicalismo, e che spesso ahimé difendiamo a spada tratta soltanto perché "si è sempre fatto così". Eppure se guardate bene non è sempre stato "così"... Abbiamo cambiato l'alternanza dei gironi, abbiamo aumentato le gare da 4 a 6, abbiamo rimosso le DEV-Demo ( :zitto: ). Quindi pensiamo ai passi che abbiamo già fatto, prima di guardare con orrore a ogni novità.


Perdonatemi per la lunghezza, ma se sono seduto alle 3:00 a scrivere in un forum con gli occhi sbarrati è perché credo fermamente che solo mettendo bene per iscritto certe idee si possa generare una discussione prolifica a maggior gloria di una community-famiglia come ARM. :allah:
Vi invito a commentare con altrettanti papiri. :mrgreen:
Viva Re-Volt, Viva ARM!
-La nostra vita è un continuo tentativo di risolvere rompicapi.- [Erno Rubik]
-Prendi bonus, urta Siculo.- [A. Senna]
-PLONDO!- [A. Meucci]

lorydc90
Messaggi: 1228
Iscritto il: lun 6 set 2010, 22:21
Località: Cologno M.se (Mi)

Re: Riflessioni sui bonus al Serie ARM

Messaggio da lorydc90 » sab 4 apr 2020, 12:58

Ma cucciolo, io resto d'accordissimo con te.
Se posso dire la mia, e la dico perché sebbene non corra il serie ARM, sono impresso nell'albo d'oro per 2 volte ed essendo l'élite delle gare e dei giocatori più forti, deve essere dedicato esclusivamente ad un ambiente simulativo (con le dovute attenuanti del fatto che parliamo di Re Volt e non di AC).
Deve dare spazio e risalto al talento.
Tant'è che sarebbe addirittura opportuno togliere la scelta delle auto ma mettere la scelta della classe e ogni pilota sceglie l'auto che più confà a lui della classe prescelta.

Allora chiunque altro mi dirà: "eh ma così tutti sceglieranno Toyeca, tutti sceglieranno Adeon, Moss ecc ecc"
E qual è il problema? Ti porta a spingerti oltre al limite e al miglioramento.

Questo non significa che le altre auto non debbano essere ca***e eh ma ci sono le rrn per questo, eventi forfun per tutti e per tutti i gusti.

Il bello del serie ARM è che è stato visto come un torneo coi controbip, con una lunghezza enorme e un parco partecipanti importante. Bisogna cercare di renderlo più figo togliendo le variabili che lo rendono meno simulativo.

E aggiungerei che anche il Serie BRM dovrebbe adattarsi.
Chi fa il serie BRM deve essere pronto a giocarsi le carte al Serie ARM. È una serie propedeutica, non un inferno di auto e bonus in cui vince chi ha più tarli mentali.

Sì, ho un espresso un pensiero molto radicale e per nulla conservativo. Lo so
Ultima modifica di lorydc90 il sab 4 apr 2020, 13:01, modificato 1 volta in totale.

Siamo tutti strani: se esistesse la normalità sarebbe quella la vera stranezza

Avatar utente
ciccio
Utente
Messaggi: 1774
Iscritto il: lun 7 giu 2010, 9:25
Località: Verona

Re: Riflessioni sui bonus al Serie ARM

Messaggio da ciccio » sab 4 apr 2020, 13:03

Io sono d'accordo sia con etnico per la questione bonus, sia con lory per la questione auto. Era una delle proposte epilettiche che volevo avanzare per l'anno prossimo (che probabilmente mai verrà accettata).
"If we burn, you burn with us."


Avatar utente
Tia
Messaggi: 2590
Iscritto il: ven 9 lug 2010, 16:52
Località: Brescia

Re: Riflessioni sui bonus al Serie ARM

Messaggio da Tia » sab 4 apr 2020, 14:01

Prima di tutto voglio ringraziare Etnico per la completezza delle sue argomentazioni e mi piace che abbia voluto esprimere le sue idee sul forum e non solo sulla chat che come sappiamo è dispersiva e non all'altezza di una discussione seria e così articolata. Quindi bravo :appl:
Grazie anche a chi gli ha risposto e gli risponderà in maniera serie e aderente alla questione.
Detto questo mi trovo abbastanza in disaccordo sulla visione complessiva, sia di Etnico che di Lory anche se posso concordare su dei punti specifici.

Etneus95 ha scritto:
sab 4 apr 2020, 3:08
Vorrei chiedere a tutti i partecipanti del Serie ARM se si sono recentemente divertiti durante le proprie sfide coi bonus.
Io ieri con Ionico ho fatto una sfida molto bella, prima con i bonus, poi ci siamo accorti che avevamo sbagliato :lol2: e l'abbiamo rifatta senza. Non saprei scegliere onestamente quale mi abbia divertito di più, considerando che abbiamo fatto lo stesso risultato, pista per pista.

Etneus95 ha scritto:
sab 4 apr 2020, 3:08
Allora se siamo coerenti, e una vittoria decisa dai bonus è davvero immeritata, ELIMINIAMOLI!
Rispetto alle fasi no bonus, credo si contino su una mano gli incontri si bonus in cui entrambi i giocatori escono stringendosi la mano soddisfatti dicendo "CHE BELLA QUESTA SFIDA SI BONUS!", senza che tirino madonne contro gli sviluppatori di questo gioco o contro l'avversario.
In questo periodo è meglio evitare di stringersi la mano. lol
Comunque forse sono meno di quelle no bonus, ma non zero. E parlo anche, ma non solo, per esperienza personale.

Etneus95 ha scritto:
sab 4 apr 2020, 3:08
Finché un campionato stagionale della durata di 9-10 mesi che si propone come la punta di diamante del calendario annuale di ARM sarà definito per il 50% dei suoi appuntamenti dalla ruota della fortuna, io potrei anche non partecipare più. Ma sono certo che non sarà questo il punto che vi persuaderà.
Mi fa piacere che venga considerato tale ma non è lo scopo per cui è nato. Io mi sono sempre prefisso l'idea di creare un torneo che fosse il più inclusivo possibile, che desse a tutti la possibilità di partecipare pur non essendo disponibili a correre la sera o in dei giorni specifici. Così tutti possono correre lungo tutto l'arco dell'anno e non abbandonare ARM perché non riescono a seguire le RRN. Io stesso poi mi ci sono ritrovato. Il secondo principio è che fosse aperto a tutti, anche chi non ha modo di allenarsi o semplicemente è meno bravo. I bonus quindi, in questo senso hanno lo scopo di livellare un po' la disparità tra i piloti. Ma comunque qualcuno che è considerato "scarso" nel senso buono del termine è mai arrivato a podio?
Semplicemente si crea un po' di aleatorietà che non è vero che rende il gioco brutto, solo un po' più imprevedibile.
Non è il motivo (o almeno uno dei motivi) per cui ci siamo innamorati di Re-Volt? Io giurerei di sì.

Agli altri punti non rispondo singolarmente perché pur con argomentazioni diverse il problema che mi sembra di individuare sia sostanzialmente uno e che già hai toccato sopra:

Il Serie ARM è un torneo elitario? Serio? Dove deve prevalere necessariamente e sempre il più bravo?
- Elitario? Lo è diventato solo per via della separazione per necessità numeriche con il BRM, ma non è nato così. Prendo atto che lo sia.
- Serio? Serio lo è, infatti ho man mano cercato di stringere le maglie del regolamento.
- Dove vince il più bravo? Il più bravo penso che vinca, con o senza bonus. Magari non in tutte le sfide, ma complessivamente sì, e per quanto mi riguarda è proprio quello il criterio guida.
Qualche volta capita di triggerarsi? Beh non succede sempre nella vita? Io personalmente vedo Re-Volt come un gioco e un passatempo che non mi impedisce di svagarmi se l'avversario ha più :culo: di me.

Etneus95 ha scritto:
sab 4 apr 2020, 3:08
Il primo passo per poterne parlare è mettere in discussione le nostre secolari, stagnanti abitudini ARMiane da conservatori, alla luce delle quali interventi come questo vengono tacciati di radicalismo, e che spesso ahimé difendiamo a spada tratta soltanto perché "si è sempre fatto così". Eppure se guardate bene non è sempre stato "così"... Abbiamo cambiato l'alternanza dei gironi, abbiamo aumentato le gare da 4 a 6, abbiamo rimosso le DEV-Demo ( :zitto: ). Quindi pensiamo ai passi che abbiamo già fatto, prima di guardare con orrore a ogni novità.
Non condivido la visione per cui pensi che ARM sia una community conservatrice, saremmo già morti e sepolti come i nostri cugini cattivi.
Come giustamente dici, il torneo nello specifico non è rimasto sempre uguale a sé stesso quindi non vedo perché non possa cambiare già dal prossimo anno. Però per togliere un punto, secondo me, cardine del gioco stesso oltre che del torneo vorrei avere un parere a larga maggioranza di chi ci partecipa o ci ha partecipato. Sono aperto a un referendum con tanto di quorum.


Chiedo quindi che la discussione prosegua con l'aggiunta di pareri di altre persone, anche non direttamente coinvolte.
Specificando che è meglio non divagare, si parla del Serie ARM e dei bonus. Non del BRM e non delle RRN o simili.
Etneus95 ha scritto:
sab 4 apr 2020, 3:08
Viva Re-Volt, Viva ARM!
Sempre <3
I miei tornei:
Formula ARM (feat. Iko-kun)
Game of Thrones' Cup I e II
Serie ARM 2015 / 2016 / 2017 / 2018 /2019 / 2020
Serie BRM 2016 / 2017 / 2018 / 2019 / 2020
ARM CUP 2018 / 2019 / 2020(feat. WheelSmith18)

ARM Card

Avatar utente
Michelangelo
Moderatore
Messaggi: 6249
Iscritto il: ven 1 gen 2010, 13:21
Località: Villa Castelli (BR)

Re: Riflessioni sui bonus al Serie ARM

Messaggio da Michelangelo » sab 4 apr 2020, 14:23

In linea di massima, sebbene con posizione un po' meno estrema, mi trovo d'accordo con Etnico. Ho fatto una lunga battaglia sul far capire anni fa che il torneo del compleanno doveva corrersi no bonus, penso che si è arrivati ad un momento dove anche per il Serie ARM vada fatto qualcos'altro. L'aumento a 6 delle gare sicuramente ha attenuato le variabili, però ultimamente vedo troppe gare che sono decise interamente dai bonus. Le mie ultime due sfide ne sono state l'esempio: in quella contro Wheel lui è stato ampiamente fortunato, in quella di ieri contro Etnico tutte e 6 le gare sono state decise da chi aveva il bonus migliore e quindi è del tutto comprensibile che pareggiare dopo che si vinceva 3-0 con i bonus porti ad incazzarsi.
Anche perché vorrei far notare un'altra cosa: se uno perde male senza bonus, si incazza con sé stesso, si rammarica di aver fatto una ca***ta in una curva e così via; se uno perde male con i bonus, si incazza con il fato perché non ha avuto i bonus giusti, e non è bello che uno dei tornei più importanti venga deciso dal caso. E non venitemi a dire che "eh ma bisogna anche saperli giocare i bonus" perché è vero ma fino a un certo punto. Facendo una metafora, è come se dicessi "eh ma bisogna anche saper cucinare per fare un piatto buono". Sì certo, ma se hai la dispensa piena puoi inventarti tutte le ricette che vuoi, ma se ti rimane solo la pasta, il tonno e la cioccolata, non è che puoi farci miracoli.

Detto questo, sebbene ne abbia spesso subite di tutti i colori io ho sempre voluto pensare che prima o poi la ruota gira, oggi sono fortunato, domani sarò sfigato.. Eliminare del tutto i bonus dal serie ARM so che sarebbe difficilmente attuabile, però più si va avanti e più vedo sempre più sfide decise interamente dai bonus, una soluzione va trovata perché giustamente la competitività aumenta e il Serie ARM rientra nel nostro "triplete" Re-Voltistico di tornei più importanti dell'anno (Serie ARM - Torneo del Compleanno - ARM Cup).

Di conseguenza, la mia proposta per cercare di venire un po' incontro a tutti è quella di introdurre un coefficiente di ponderazione (esempio: le sfide sì bonus valgono per 1/3 e le sfide no bonus per 2/3). Ovviamente le percentuali sono abbozzate così su due piedi, ci si può riflettere meglio sullo specifico ammontare però il senso è quello di dare un peso diverso alle sfide fatte senza bonus e quelle svolte con i pickup attivi.

Un saluto dal campione in carica 8-)
Vincere non è importante, è l'unica cosa che conta - Gianpiero Boniperti

Sono felice che abbiate sorriso, esultato, pianto, cantato, urlato per me e con me. Per me nessun colore avrà tinte più forti del bianco e nero. Avete realizzato il mio sogno - Alessandro Del Piero

Immagine

La mia ARM Card

Avatar utente
AngelS93
Utente
Messaggi: 1415
Iscritto il: lun 5 ott 2015, 20:47
Località: Modugno (BA)

Re: Riflessioni sui bonus al Serie ARM

Messaggio da AngelS93 » sab 4 apr 2020, 14:24

Ho già espresso tramite altri canali le mie considerazioni, e riassumo dicendo che sarei pure d'accordo con l'eliminare i bonus dal Serie ARM, purchè vengano fatti altri correttivi per trovare un compromesso tra piloti più esperti e piloti meno esperti:
- ripristinare il numero di gare al meglio delle quali gareggiare a quattro, per inciso non ho mai compreso fino in fondo l'allungamento del numero di gare che reputo una soluzione un po' "reazionaria", se un pilota è competitivo la spunterebbe anche al meglio delle quattro;
- dimezzare la durata nella competizione (due gironi anzichè quattro) per livellare anche il punteggio, perchè in caso di eccessivi squilibri nei rapporti di forza ritengo che sia più "elegante" vedere una classifica con distacchi più contenuti che una in cui ciascun pilota è separato da doppia cifra rispetto agli altri, da un'altra parte ciò potrebbe anche favorire alcuni inattese sorprese nella classifica finale;
- fornire maggiore peso nella scelta da parte di auto e piste dell'avversario meno competitivo, ad es. sulla base dei piazzamenti dell'anno precedente, e soprattutto ampliare nuovamente la selezione delle auto consentendo auto DEV e Demo che possono a loro volta mescolare le carte in tavola nella singola giornata.
Inoltre mi schiero apertamente contro ogni deriva èlitaria della competizione in una sorta di "Superlega" ARMiana, che potrebbe portarmi ad abbandonare la stessa, ricordando che la forza costituente di ciascun campionato che si rispetti (sportivo e non) sono non solo i corridori più forti ma anche quelli che potenzialmente possono far saltare il banco.
Ultima modifica di AngelS93 il sab 4 apr 2020, 14:25, modificato 1 volta in totale.
Classe '93, studente di Economia e appassionato di Re-Volt di lunga data

Avatar utente
Ionico
Messaggi: 85
Iscritto il: ven 5 ott 2018, 17:35

Re: Riflessioni sui bonus al Serie ARM

Messaggio da Ionico » sab 4 apr 2020, 14:26

AngelS93 ha scritto:
sab 4 apr 2020, 14:24
Ho già espresso tramite altri canali le mie considerazioni, e riassumo dicendo che sarei pure d'accordo con l'eliminare i bonus dal Serie ARM, purchè vengano fatti altri correttivi per trovare un compromesso tra piloti più esperti e piloti meno esperti:
- ripristinare il numero di gare al meglio delle quali gareggiare a quattro, per inciso non ho mai compreso fino in fondo l'allungamento del numero di gare che reputo una soluzione un po' "reazionaria", se un pilota è competitivo la spunterebbe anche al meglio delle quattro;
- dimezzare la durata nella competizione (due gironi anzichè quattro) per livellare anche il punteggio, perchè in caso di eccessivi squilibri nei rapporti di forza ritengo che sia più "elegante" vedere una classifica con distacchi più contenuti che una in cui ciascun pilota è separato da doppia cifra rispetto agli altri, da un'altra parte ciò potrebbe anche favorire alcuni inattese sorprese nella classifica finale;
- fornire maggiore peso nella scelta da parte di auto e piste dell'avversario meno competitivo, ad es. sulla base dei piazzamenti dell'anno precedente, e soprattutto ampliare nuovamente la selezione delle auto consentendo auto DEV e Demo che possono a loro volta mescolare le carte in tavola nella singola giornata.
Inoltre mi schiero apertamente contro ogni deriva èlitaria della competizione in una sorta di "Superlega" ARMiana, che potrebbe portarmi ad abbandonare la stessa, ricordando che la forza costituente di ciascun campionato che si rispetti (sportivo e non) sono non solo i corridori più forti ma anche quelli che potenzialmente possono far saltare il banco.
Ha praticamente parlato Angelo per me, non ho nulla in contrario a quanto ha appena detto lol
"Spero di non diventare come certi piloti che stanno sulle loro solo perché guidano una F.1. Infatti mi piace firmare autografi ai bambini. Quando lo ero io, consideravo i piloti come eroi. Che ora lo chiedano a me, mi rende orgoglioso." (Antonio Giovinazzi)

Avatar utente
R6 Turbo
Messaggi: 246
Iscritto il: mar 23 ago 2011, 11:14
Località: Provincia di Trento

Re: Riflessioni sui bonus al Serie ARM

Messaggio da R6 Turbo » sab 4 apr 2020, 15:11

Allooora, dico la mia. Partiamo che l'idea di Lory la trovo totalmente negativa, non so neanche se mi iscriverei ad un serie Arm fatto con le stesse 4 auto, andavo a giocare ad Assetto corsa in caso.
Bonus in sfide 1 v 1: sono sempre stato un minimo penalizzato, o per sfortuna o perché la linea ha un buon download (i missili li prendo) e un cattivo upload (alcuni missili non vanno a segno nonstante sia dritto me). Nonostante ciò però ho sempre apprezzato le sfide coi bonus, mi rendo contò però che in una serie con tanta pulizia di guida (il serie Arm) i bonus diventano fin troppo decisivi. Sarei quindi disposto a togliermi SOLTANTO SE le gare vengano sostituite da un altro formato, 4 gironi uguali li trovo ripetitivi.
Ecco allora la mia proposta, pensiamo a cosa possa dare un minimo di aleatorietà (come piace ad Ange ed onestamente anche a me) ma che non sia così casuale come i bonus. Andiamo quindi ad analizzare quali capacità oltre alla pulizia e alle traiettorie di guida può offrire revolt e ho pensato a questa: la capacità di adattamento. Perché quindi non inserire un girone di auto random, secondo me la capacità di adattarsi ad auto con cui si ha più o meno mano saltando da auto diverse può generare quel pizzico di aleatorietà su cui anche chi guida bene può recriminare. Vi prego, ragionateci un attimo dai.

Per il resto mi spiace ma io preferirei allungarle invece che accorciarle le sfide.. In 4 gare è davvero difficile capire se uno è realmente più forte..
Riguardo a Tia, so che il torneo non aveva quelle idee ma sì, è diventato il torneo elitario di Arm a mio parere.
Ah Etna, le Dev demo erano quasi tutte mutazioni delle stock e abbastanza noiose, le 3 del serie Brm è stata una bellissima soluzione, reintrodurre quelle 20 auto bruttine sarebbe solo un peso inutile a mio parere.
R6 Turbo
Dilapidatore di RRN professionista

Avatar utente
Etneus95
Utente
Messaggi: 312
Iscritto il: ven 4 nov 2016, 13:13
Località: Catania
Contatta:

Re: Riflessioni sui bonus al Serie ARM

Messaggio da Etneus95 » sab 4 apr 2020, 17:22

Tia mi dispiace un po' di aver definito in toto la mentalità ARMiana conservatrice. Intendevo soltanto dire che la prima reazione a certe proposte è spesso subito negativa... Magari intavolata così democraticamente non è questo il caso.

Sull'intervento di Angelo, ricordo che l'aumento da 4 a 6 gare è stato fatto proprio per dare più varietà agli esiti, perché sculare (così come vincere legittimamente) 3 gare per pareggiare e 4 per vincere è un passo in più da dover vincerne appena 2 per pareggiare e 3 per vincere. È poco, ma ha avuto i suoi effetti a mio parere.

La proposta di R6 di fare gironi auto random è secondo me molto interessante. Una declinazione diversa e meno determinante del tanto difeso aspetto aleatorio di Re-Volt. Inoltre metterebbe ulteriormente alla prova in maniera nuova le abilità dei concorrenti.
Comunque Claudio le DEV erano 20 mille anni fa. Dall'ultimo aggiornamento le auto utilizzabili non cancro sono effettivamente 7: Acclaim, CGW, Mc RC, Riva TNT2, Evil Candy, Evil Phat, Evil Toyeca.
Ultima modifica di Etneus95 il sab 4 apr 2020, 22:07, modificato 1 volta in totale.
-La nostra vita è un continuo tentativo di risolvere rompicapi.- [Erno Rubik]
-Prendi bonus, urta Siculo.- [A. Senna]
-PLONDO!- [A. Meucci]

lorydc90
Messaggi: 1228
Iscritto il: lun 6 set 2010, 22:21
Località: Cologno M.se (Mi)

Re: Riflessioni sui bonus al Serie ARM

Messaggio da lorydc90 » lun 6 apr 2020, 19:27

Totalmente contrario a ciò che dice Angelo.
Non bisogna aumentare le variabili per equilibrare il torneo.
È come se nella Serie A si dessero punti di penalizzazione, per esempio, alla favorita del campionato per far sì che gli altri non prendano 20 punti di distacco o dessero la possibilità di giocare uno in più, all'avversario, in caso fosse sotto di punteggio.
Ripeto, stiamo parlando di un torneo in cui deve vincere il migliore e il migliore non deve ricevere variabili negative. Che senso ha?

Ci sono millemila tornei, eventi ecc in cui giocarsela con tutte le variabili di questo mondo. È proprio il Serie ARK, che ripercorre le gesta calcistiche, a doverne subire il meno possibile.

Siamo tutti strani: se esistesse la normalità sarebbe quella la vera stranezza

Avatar utente
Drakan
Messaggi: 4757
Iscritto il: sab 10 lug 2010, 13:42
Località: Cimbergo
Contatta:

Re: Riflessioni sui bonus al Serie ARM

Messaggio da Drakan » gio 30 apr 2020, 18:50

Ho appena commentato una cosa relativa al perchè i bonus devono essere accettati, in un altro topic, che però immagino possa essere collegato a questo e a lamentele di persone che magari hanno perso proprio a causa di un bonus.
Vi invito a leggere anche quella parte dopo di questa.

Detto questo mi sento di dire solamente una cosa... ma vi siete fatti di acidi? :gnorri:
Cioè davvero credete che il problema del serie arm sia l'uso dei bonus?
Per vedere chi è più bravo a guidare esiste già il LADDER. se uno vuole dimostrare di essere quello migliore in assoluto può correre lì, da solo, e fare vedere quanto bravo sia a fare le traiettorie.
Il serie ARM, per come è stato pensato, è un torneo per decidere chi è più bravo a REVOLT e da quel che so a revolt si gioca anche con i bonus. 8-)
a questo gioco giocano anche persone che non hanno il talento o le mille ore a disposizione di altri per diventare perfetti, se mettiamo anche questo torneo alla tregua di un ladder su tre giri pensate davvero che parteciperebbero? Io no ci certo, se mi iscrivo ancora oltre al fatto che Tia mi obbliga è perchè ci sono i bonus, e come me immagino altra gente. Toglieteli e in questo torneo ci saranno solamente i 3-4 piloti più in forma a lottare per la vittoria, e a quel punto si lamenteranno del lag e dei contatti tra le auto.
Anche perchè a favorire chi si allena di più ci stanno già sia la scelta delle piste che delle auto.

Se proprio devo dire qualcosa approverei l'inserimento di auto random proprio per limitare questo tipo di vantaggio: in passato ho spesso giocato su auto inguadabili che solo io sapevo guidare, e credo che presentarsi con una pest control dopo 10 ore di allenamento sia di gran lunga peggiore di beccare un avversario con un po di culo nei bonus.
Se volete un parere più diretto sapete dove trovarmi u.u
"più ti avvicini alla luce, più grande diventa la tua ombra" Kingdom hearts

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite