Manga, anime, serie tv - le recensioni del suino

Qui potete parlare di tutto ciò che vi frulla per la testa e che non ha a che fare con Re-Volt

Moderatore: Michelangelo

Avatar utente
TheFactor82
Amministratore
Messaggi: 7582
Iscritto il: gio 4 mag 2006, 21:26
Località: Torino
Contatta:

Re: Manga, anime, serie tv - le recensioni del suino

Messaggio da TheFactor82 » gio 11 lug 2019, 9:32

Drakan ha scritto:
lun 27 mag 2019, 13:44
Non posso che darti ragione :piange:... m*****a devi guardarti ancient magus bride te!
Finito Steins Gate (tutto, compreso l'oav e anche lo special di San Valentino <3 ). Capolavoro.
E ho già iniziato The Ancient Magus Bride e...
MADO' CHE BELLO!!!
My Gp's:
10 Settembre 2000: Monza - ITA (F1)
24-25 Aprile 2004: Imola - RSM (F1)
07 Ottobre 2007: Monza - ITA (WTCC)
31 Agosto 2008: Misano - ITA (MOTOGP/250/125)
05-07 Settembre 2008: Spa Francorchamps - BEL (F1)
20-22 Luglio 2012: Hockenheimring - GER (F1)
07 Settembre 2014: Monza - ITA (F1)
14 Aprile 2018: Roma - ITA (FE)

My ARM Card

Avatar utente
Marco repainter
Messaggi: 1348
Iscritto il: lun 20 apr 2015, 16:38
Località: Provincia di Ancona

Re: Manga, anime, serie tv - le recensioni del suino

Messaggio da Marco repainter » sab 13 lug 2019, 15:22

Io ho finito di vedere Vatican Miracle Examiner.
SpoilerMostra
Devo dire che mi è piaciuto tantissimo, fin dai primi episodi infatti l'anime dimostra tanto potenziale, intriga molto e ad ogni miracolo si rimane sbalorditi, finché non arriva l'investigazione dei due esaminatori vaticani che ti tengono sulle spine fino alla fine.
Peccato solo che sia uscita (nel 2017, quindi molto recente) una sola stagione con pochi episodi, ma per fortuna il manga è ancora in produzione quindi mi aspetto una seconda stagione (e non vedo l'ora).
Consiglio a drakan di vederlo e magari vedere una sua recensione in questo topic ;-) .

Per la seconda stagione di One Punch invece sono rimasto soddisfatto, specialmente l'ultimo episodio che, frame dopo frame, gasava un bel po'. Il tutto comunque è stato ben fatto e anche l'animazione (secondo me) è stata ben fatta, anche se alcuni dicono che è stata un po' povera. Aspetto con ansia la terza stagione 8-)
"Banca MediolARM: costruita intorno al rep" cit. Michelangelo :lol2: :lol2: :lol2:
"Una RRN senza bonus è come una corsa ai ladder, con la differenza che non c'è un tasto di restart
e che gli altri saranno sempre migliori di me."
ARM Card

Avatar utente
Drakan
Messaggi: 4716
Iscritto il: sab 10 lug 2010, 13:42
Località: Cimbergo
Contatta:

Re: Manga, anime, serie tv - le recensioni del suino

Messaggio da Drakan » dom 14 lug 2019, 13:59

Marco repainter ha scritto:
sab 13 lug 2019, 15:22
Consiglio a @drakan di vederlo e magari vedere una sua recensione in questo topic ;-) .
Per la seconda stagione di One Punch invece sono rimasto soddisfatto, specialmente l'ultimo episodio che, frame dopo frame, gasava un bel po'. Il tutto comunque è stato ben fatto e anche l'animazione (secondo me) è stata ben fatta, anche se alcuni dicono che è stata un po' povera. Aspetto con ansia la terza stagione 8-)
Lo guarderò allora.
La seconda di one punch l'ho gradita anche io, e sinceramente non capisco i molti commenti negativi, anche se ha la pecca di essere statica per molti episodi.
TheFactor82 ha scritto:
gio 11 lug 2019, 9:32
Finito Steins Gate (tutto, compreso l'oav e anche lo special di San Valentino <3 ). Capolavoro.
E ho già iniziato The Ancient Magus Bride e...
MADO' CHE BELLO!!!
Ne sono felice, come detto lascia un impatto spettacolare e non vedo l'ora che facciano la seconda stagione, perchè ripeto alcuni episodi li considero sulla soglia del 10.

A breve ricomincerò a recensire, ho finito giusto ieri di portarmi in pari con Jojo (per la gioia di qualcuno lol ) e Dororo, ho un'ultima settimana incasinata e poi mi paleso :mrgreen:
"più ti avvicini alla luce, più grande diventa la tua ombra" Kingdom hearts

Avatar utente
TheFactor82
Amministratore
Messaggi: 7582
Iscritto il: gio 4 mag 2006, 21:26
Località: Torino
Contatta:

Re: Manga, anime, serie tv - le recensioni del suino

Messaggio da TheFactor82 » lun 5 ago 2019, 15:07

Caro il mio Drakan , mi sono visto The Ancient Magus Bride! :-)
Che spettacolo. I colori che ho visto qui non credo di averli mai visti in altri anime. Se poi ci aggiungo la trama romantico-fantasy, quasi stessi giocando la partita perfetta di D&D, con il miglior master che possa esserci al mondo, ecco, direi che ho trovato veramente un'anime da top list.

Non me la sento di dire "è meglio di Gurren Lagann" perchè sono due tipi troppo diversi di anime che li rendono imparagonabili. Però davvero, è arrivato veramente in alto. Percui grazie per avermelo consigliato... E speriamo presto in una stagione 2!

Dopo quello mi sono sparato anche Death Parade, sotto consiglio di ciccio . E ho apprezzato anche quello, anche se non spicca tra i migliori che abbia visto. Se :suino: lo conosce, o vorrà vederlo, farà poi la sua arguta disamina alla quale non mancherò di rispondere. E' veloce, 12 episodi più uno special introduttivo.
My Gp's:
10 Settembre 2000: Monza - ITA (F1)
24-25 Aprile 2004: Imola - RSM (F1)
07 Ottobre 2007: Monza - ITA (WTCC)
31 Agosto 2008: Misano - ITA (MOTOGP/250/125)
05-07 Settembre 2008: Spa Francorchamps - BEL (F1)
20-22 Luglio 2012: Hockenheimring - GER (F1)
07 Settembre 2014: Monza - ITA (F1)
14 Aprile 2018: Roma - ITA (FE)

My ARM Card

Avatar utente
Drakan
Messaggi: 4716
Iscritto il: sab 10 lug 2010, 13:42
Località: Cimbergo
Contatta:

Re: Manga, anime, serie tv - le recensioni del suino

Messaggio da Drakan » mar 6 ago 2019, 1:39

TheFactor82 ha scritto:
lun 5 ago 2019, 15:07
Non me la sento di dire "è meglio di Gurren Lagann" perchè sono due tipi troppo diversi di anime che li rendono imparagonabili. Però davvero, è arrivato veramente in alto. Percui grazie per avermelo consigliato... E speriamo presto in una stagione 2!
Dopo quello mi sono sparato anche Death Parade, sotto consiglio di ciccio
Ne sono ben felice :mrgreen: ... the ancient magus bride è stato uno di quegli anime che pensavo di dover usare come "sfondo" quando lavoro e che poi ha finito per sorprendermi incredibilmente... e spero anche io facciano una seconda.
Per quanto riguarda il secondo anime... mai visto, un giorno colmerò la lacuna lol
"più ti avvicini alla luce, più grande diventa la tua ombra" Kingdom hearts

Avatar utente
Drakan
Messaggi: 4716
Iscritto il: sab 10 lug 2010, 13:42
Località: Cimbergo
Contatta:

Re: Manga, anime, serie tv - le recensioni del suino

Messaggio da Drakan » mar 6 ago 2019, 20:29

Rieccomi qua
In estate ho avuto tempo per spaccarmi di anime (forse troppi), che ho guardato consecutivamente come fanno i veri drogati che si imbattono in episodi inediti ad un certo punto della sera, in un orario compreso tra il “è troppo tardi per fare qualcosa di costruttivo” e “è troppo presto per andare a dormire”.
Ho decisamente troppe ottime recensioni da scrivere, tante che forse sto diventando poco obiettivo con i voti, ma da qualcuno dovrò pur iniziare, quindi:

Dororo
Immagine
Immagine
Manga: 4 volumi, terminato.
Anime: terminato - 1969: 26 episodi (24 min) - 2019 stagioni + 24 episodi (24 min)
Genere: Avventura, storico, drammatico, soprannaturale.
VOTO ANIME: 7.5

Trama:
Il protagonista della saga è Hyakkimaru, un ragazzo maledetto, che ha avuto sfortuna di essere nato senza dodici parti del corpo, tra i quali arti, bocca, naso e persino gli occhi.
SpoilerMostra
Tutto ciò e dovuto ad un patto siglato tra suo padre, (daigo) governatore di un feudo, e i demoni, ai quali sacrifica la suo figlio per le sue ambizioni di potere e per quelle del suo popolo.
Alla nascita, nonostante ciò, rimane in vita, così viene consegnato ad una serva affinché se ne sbarazzi, ma anche in questo caso Hyakkimaru sfugge alla morte e viene trovato da un chirurgo e creatore di protesi che lo tiene con sé e costruisce per lui un corpo. Il ragazzo sembra attirare a sé molti demoni, e così il padre adottivo insegna lui a combatterli. Hyakkimaru decide così di partire per affrontare i demoni, ed è così che incontra Dororo, un ladruncolo che lo seguirà nel suo viaggio alla ricerca delle sue origini e alla caccia dei 12 demoni che hanno preso possesso delle parti mancanti del suo corpo.

Recensione:
Remake del famoso Dororo, pubblicato nel 1967 da Osamu Tezuka (noto anche come il padre dei manga) e trasformato in una serie animata di 26 episodi già nel 1969, rispecchia tutti i tratti delle storie ambientate nell’epoca oscura e magica del Giappone feudale.
Sotto questo punto di vista molti troveranno analogie con opere come inuyasha che katanagatari, sia per le lotte contro i demoni o i samurai dell’oscura epoca Sengoku, sia per le favole e tradizioni inserite, che per i disegni, le figure o i paesaggi rappresentati.
Episodio dopo episodio, i due avventurieri erranti si trovano a dover lottare proprio contro i demoni che hanno preso possesso delle parti del corpo di Hyakkimaru, spinti contro di loro da una sorta di immutabile destino. La dedizione ad aiutare il prossimo perseguita dai due protagonisti però si va a scontrare man mano con le conseguenze indirette delle loro azioni: i dodici demoni infatti proteggevano la regione dalle calamità, e così ad ogni parte del corpo recuperata corrisponde anche un peggioramento delle condizioni di vita di ogni abitante che in realtà vorrebbero aiutare. Oltretutto ogni parte recuperata porta Hyakkimaru a diventare sempre più umano, e in questo caso a ottenere anche abilità, caratteristiche, e persino emozioni nuove e tipiche di un normale uomo, tra le quali anche l’egoismo, l’avidità, e il desiderio di vendetta che solo Dororo riuscirà parzialmente a tenere a freno.
Questa duplice e sofferta contrapposizione porta lo spettatore (o almeno a me è accaduto) a provare simpatia e odio sia per i protagonisti (ad esclusione di Dororo, che mantiene sempre la sua purezza e innocenza), sia per chi si contrappone loro, poiché entrambe le parti hanno valide ragioni e qualcosa per cui è giusto lottare. È un continuo susseguirsi di frangenti di lotta tra potere, nobili, demoni, samurai contro contadini, reietti, poveri e oppressi, dover però le opportunità possono invertire le parti da un momento all’altro.
Questo mondo di luci e ombre è ben rappresentato da scene come
SpoilerMostra
quella del puro cavallo bianco che viene sacrificato per tentare di uccidere Hyakkimaru (diventando poi a sua volta un kirin vendicatore) o lo stesso Hyakkimaru che decide di uccidere degli innocenti pur di riottenere ciò che è suo (a costo di perdere la sua umanità).
La crudeltà e la crudità di alcune scene be si presta a rappresentare queste situazioni, prima tra tutte l’immagine di Hyakkimaru appena nato, mostrando un tragico e sofferto realismo, sia nelle scene di combattimento, che nelle morti violente mostrate o intraviste, che nelle storie e nelle vite dei personaggi secondari che incontrano lungo la via.
La trama, semplice, ma con molte aggiunte dal passato dei protagonisti che sempre ritorna, è sostenuta alla perfezione sia dalle musiche abbinate all’epoca medievale, tratte dall’anime originale, e rumori tipici di quel periodo, sia da una animazione molto fluida e ricca di particolari, ideali per far comprendere a chi guarda la serie lo stato d’animo e i problemi dell’epoca Sengoku. La stessa musica d’apertura riassume perfettamente queste caratteristiche, in particolare quella della prima metà della stagione, mischiando tratti moderni a suoni tradizionali (bellissima).
Concludendo, dal mio punto di vista sono davvero poche le critiche che si possono fare a questa opera… è vero che la trama è tendenzialmente lineare, ma i colpi di scena non mancano
SpoilerMostra
(vedi quando si scopre che Dororo è una ragazzina in realtà) e i combattimenti coprono alla perfezione i finali di ogni episodio (la lotta del kirin e di Hyakkimaru contro il fratello ed i suoi due aiutanti ha tratti davvero epici),
a tratti tuttavia rimane semplice o scontata, soprattutto per gli episodi centrali.
Infine, come puro parere personale, non ho gradito molto il tipo di finale:
SpoilerMostra
la morte del fratello, della madre e del suo padre adottivo, riuniti sotto le fiamme in una scena che rievoca fedelmente quella di un presepio cristiano (impossibile non notarlo)
mi è risultata quasi una forzatura, non necessaria,
SpoilerMostra
se non per accorciare la conclusione dell’anime e impedire l’effettiva riunione tra le due parti che si erano fino a quel momento opposte, anche dopo che tutto si era sistemato.
In ogni caso un ottimo anime, da vedere assolutamente.
"più ti avvicini alla luce, più grande diventa la tua ombra" Kingdom hearts

Avatar utente
TheFactor82
Amministratore
Messaggi: 7582
Iscritto il: gio 4 mag 2006, 21:26
Località: Torino
Contatta:

Re: Manga, anime, serie tv - le recensioni del suino

Messaggio da TheFactor82 » mer 7 ago 2019, 11:17

Drakan ma non ho capito... L'anime è del 1969? L'hanno rifatto nel 2019? Bisogna guardare prima quello vecchio e poi quello nuovo??? :-?
My Gp's:
10 Settembre 2000: Monza - ITA (F1)
24-25 Aprile 2004: Imola - RSM (F1)
07 Ottobre 2007: Monza - ITA (WTCC)
31 Agosto 2008: Misano - ITA (MOTOGP/250/125)
05-07 Settembre 2008: Spa Francorchamps - BEL (F1)
20-22 Luglio 2012: Hockenheimring - GER (F1)
07 Settembre 2014: Monza - ITA (F1)
14 Aprile 2018: Roma - ITA (FE)

My ARM Card

Avatar utente
Drakan
Messaggi: 4716
Iscritto il: sab 10 lug 2010, 13:42
Località: Cimbergo
Contatta:

Re: Manga, anime, serie tv - le recensioni del suino

Messaggio da Drakan » gio 8 ago 2019, 1:08

Semplicemente il manga è molto vecchio, ma subito hanno fatto un anime. Poi nel 2019 hanno fatto un remake, sempre attinente al manga e a quello vecchio se non per alcuni particolari.
Quindi no, ti basta guardare quella del 2019, e poi al massimo leggerti il manga
"più ti avvicini alla luce, più grande diventa la tua ombra" Kingdom hearts

Avatar utente
Drakan
Messaggi: 4716
Iscritto il: sab 10 lug 2010, 13:42
Località: Cimbergo
Contatta:

Re: Manga, anime, serie tv - le recensioni del suino

Messaggio da Drakan » dom 6 ott 2019, 18:46

Oggi ho trovato un po di tempo per una recensione... periodo molto incasinato, ma la sera ho avuto tempo per leggermi il manga che mi hanno regalato al compleanno, che già avevo visto sotto forma di anime, e che certamente molti di voi già adorano, ovvero:

My hero academia
Immagine
Immagine
My hero academia

Manga: 24 volumi (in corso) + due serie spin-off
Anime: 63 episodi da 20 min l'uno (in corso)
Genere: avventura, azione, supereroi, adolescenziale.
VOTO MANGA: 8.5
VOTO ANIME: 8.5

Trama: Il mondo di My hero academia è popolato da persone con superpoteri chiamati Quirk, che si sono un giorno manifestati come mutazione e poi si sono sviluppati sempre più, sino a diffondersi nella maggior parte del genere umano, tanto che per contrastare i criminali si è resa necessaria la regolamentazione e la nascita di un’associazione di supereroi ufficiali, gli Hero.
La mancanza di un Quirk è un fatto molto raro in questa generazione, tuttavia Izuku Midoriya nasce senza superpoteri: nonostante questo prova ad inseguire il suo sogno che è quello di diventare un eroe che sorride sempre di fronte alle difficoltà, ovvero come il suo idolo All Might, dotato del potere
SpoilerMostra
(noto come One for All e in contrasto con l’All for one)
fenomenale, che lo ha posto come simbolo della lotta al male sulla terra intera.
Un giorno Midoria incontra All Might, e si trova di fronte a lui ad intervenire un una situazione disperata nel tentativo di salvare un suo amico d’infanzia (e suo rivale) Katsuki Bakugo. L’eroe riconosce così il suo valore e lo invita alla Yuei, la scuola che forma gli Hero.
Durante l’apprendimento si troverà però ad affrontare due diverse questioni: la prima è la comparsa del suo superpotere
SpoilerMostra
(donatogli da All Might)
che non riesce a controllare proprio perché non gli appartiene, la seconda invece è la comparsa di numerosi supercattivi che, stanchi della luce emanata da All Might si riuniscono nel tentativo eliminare l’eroe e sovvertire le regole che hanno portato il mondo in un periodo di tranquillità.
Il manga sviluppa così la sua storia, dal finale incerto, dove Midorya, soprannominato Deku, si troverà a dover affrontare dolori, paure e ad imparare a combattere come un vero eroe, per difendere i suoi molteplici amici che incontra allo Yuei e lo stesso All Might.

Giudizio: My hero academia (Boku no Hero Academia) racconta la storia di un giovane adolescente, Midorya, e del suo desiderio di diventare un eroe, nonostante le difficoltà che la vita gli ha messo sul cammino. La trama semplice, certamente alla base del successo di questo manga (già, e giustamente a mio parere, classificato al pari di Naruto) non deve però ingannare: a partire dal primo incontro con Allmight la vita di Midorya assume sviluppi inattesi, che accendono la curiosità, e l’introduzione di sempre più personaggi crea infine un mondo di supereroi nel quale tutto risulta spettacolare.
Uno dei punti di forza è infatti la caratterizzazione sia dei protagonisti che delle figure secondarie, ad un livello pari a quello di Onepiece, con un design univoco e dettagli personali unici. Anche l’aspetto psicologico viene costruito attorno ad ogni personaggio, proseguendo pian piano nella storia, anche se ciò avviene minuziosamente solo per i protagonisti, per i quali abbiamo anche alcuni flashback sul loro passato.
Una delle parti che più ho apprezzato è forse questo tentativo, sviluppato nell’alternanza tra le varie battaglie, di mostrare dei supereroi non invincibili, come spesso siamo abituati a pensare, ma come umani, con i loro difetti, problemi, e pensieri. La figura di all might, semplice e geniale sia nel nome che nella presentazione in stile americano,
SpoilerMostra
sia nella figura muscolosa e possente che quella debole e magrolina
, personifica e al contempo si allontana da questo mito dell’eroe, e rimane il personaggio che più apprezzo di tutto il manga.
Nonostante la trama decisamente adolescenziale si possono quindi apprezzare innumerevoli aspetti: i personaggi, come già detto, con almeno un dualismo dei protagonisti sia dal lato dei buoni che da quello dei cattivi
SpoilerMostra
(Midorya e all might – Tomura e all for one)
, i nomi dei supereroi e dei loro poteri sono anch’essi semplici e profondi allo stesso tempo, così come il loro motto caratteristico: Plus ultra! Ovvero un’incitazione a superare i propri limiti. Ci sono poi i continui riferimenti al mondo dei fumetti americani per i quali lo scrittore Horikoshi è stato spesso criticato, ma certamente ricercati, e la classica ambientazione nel mondo giapponese della scuola, che in questo caso non pesa affatto.
Tornando alla trama la lettura (o la visione) risulta quindi scorrevole, fin troppo nelle parti prive di combattimenti, ma rimane nel lettore sempre un minimo di tensione e, da quando inizia ad affezionarti ai personaggi, anche di terrore, con la costante paura che qualcuno in un manga così “dolce” possa morire improvvisamente (Onepiece insegna).
Graficamente lo ho molto apprezzato. Il tratto è davvero pulito e lineare, con personaggi ben definiti, proprio nello stile americano, tanto che la minore importanza che viene data agli sfondi quasi non si nota. La visualizzazione del volto è davvero spettacolare, con gli occhi profondi e intrisi di amozione. Forse questo stile pecca un poco durante le azioni e i combattimenti, che risultano a tratti fermi e a tratti confusi, ma è perfetto per esprimere le emozioni dei personaggi e la loro “aura”, soprattutto quando il tratto passa dal semplice ad avere nuvole di nero e spessori opprimenti.
Per quanto riguarda l’anime trovo che sia stato anch’esso ben sviluppato: Le opening e le closing sono ottime, orecchiabili e soprattutto canticchiabili, e le musiche che accompagnano le scene sono decisamente bene azzeccate. Inoltre, nell’anime è possibile apprezzare il mondo di differenti colori che l’autore ha designato ai personaggi e ai loro gadget, che ne aggiungono un tocco di qualità, o delle scene di combattimento, speranza o disperazione che così risultano ancora più intense.
A mio parere uno dei pochi manga che trasmesso come anime, forse proprio per lo stile detto in precedenza, risulta quasi migliore.
Per concludere sono davvero troppi e variegati gli eroi o i tratti che meriterebbero attenzione in questa opera, vi consiglio quindi di guardarla o leggerla assolutamente. Inoltre non mi presto a giudizi sulle scelte di trama o sugli esiti delle battaglie, ma devo dire che nonostante tutto non sono mai particolarmente scontate.
Ora non resta che aspettare il proseguo, per un manga/anime che spero duri ancora molto, ricco di scene indelebili e riflessioni profonde, e che sicuramente avrà ancora molte emozioni da offrire.
"più ti avvicini alla luce, più grande diventa la tua ombra" Kingdom hearts

Avatar utente
THE B!
Utente
Messaggi: 820
Iscritto il: mar 26 mag 2015, 14:29
Località: Osimo
Contatta:

Re: Manga, anime, serie tv - le recensioni del suino

Messaggio da THE B! » gio 17 ott 2019, 21:12

Approvo con tutto quello che hai detto. Ho scoperto il manga agli inizi (quasi per caso, stavo girando sul mio classico sito di anime e manga quando mi cadde l'occhio su MHA. Letto il primo manga non sono riuscito a smettere) e mi è subito piaciuto.
Anche l'anime è fedele al Manga e non vedo l'ora che esca la prossima stagione (in arrivo!).
Drakan ha scritto:
dom 6 ott 2019, 18:46
Ora non resta che aspettare il proseguo, per un manga/anime che spero duri ancora molto, ricco di scene indelebili e riflessioni profonde, e che sicuramente avrà ancora molte emozioni da offrire.
Cosa che mi aspetto, anche perchè ora siamo arrivati ad un punto...... sto zitto :mrgreen: .
IL GIORNALISTA DI ARM!!! 8-) Tutte le mie interviste sulla pagina Interviste.

La mia ARM CARD

Miei tornei: PHAT SLUG TOURNAMENT, Captain Adeon: Car War, Arm Track Editor Fight Memorial Review Tournament, Transformers: l'ultima Adeon
Mie creazioni: Le auto di Re-Volt!, Ruddles County Stories

Avatar utente
Drakan
Messaggi: 4716
Iscritto il: sab 10 lug 2010, 13:42
Località: Cimbergo
Contatta:

Re: Manga, anime, serie tv - le recensioni del suino

Messaggio da Drakan » lun 21 ott 2019, 10:52

THE B! ha scritto:
gio 17 ott 2019, 21:12
etto il primo manga non sono riuscito a smettere) e mi è subito piaciuto.
Anche l'anime è fedele al Manga e non vedo l'ora che esca la prossima stagione (in arrivo!).
Quoto, e anche gli episodi aggiunti in genere sono parecchio carini.
Mi mancano da guardare gli oav, tra i quali mi sembra ci sia anche quello girato con allmight in america, e poi sarò soddisfatto. :mrgreen:
Stagione nuova iniziata due settimane fa, sempre di ottima qualità, e sono proprio curioso di vedere come trasformano certe scene del manga sull'anime, ma dopo aver visto come hanno concluso la stagione precedente, con il combattimento reso benissimo, ormai non mi preoccupo più di tanto :rock:
"più ti avvicini alla luce, più grande diventa la tua ombra" Kingdom hearts

Avatar utente
Drakan
Messaggi: 4716
Iscritto il: sab 10 lug 2010, 13:42
Località: Cimbergo
Contatta:

Re: Manga, anime, serie tv - le recensioni del suino

Messaggio da Drakan » mer 15 gen 2020, 18:24

Breve double post per dire che nel breve futuro riprenderò con le recensioni, avendo visto molti anime interessanti, soprattutto quelli usciti nel 2019 che mi hanno molto sorpreso per qualità.
Spero di trovare ancora interessanti spunti e che possa piacervi leggere i miei personali giudizi :mrgreen:
Ps: un consiglio... ho intenzione di comprarmi in futuro sia il manga di Jojo (di cui sicuramente recensirò l'anime) che dei cavalieri dello zodiaco, ma mi sono accorto che sono presenti più edizioni, ristampe e anche rifacimenti... qualcuno che ne è già in possesso mi può consigliare la serie da prendere? meglio se di prima stampa :-)
A presto!!
"più ti avvicini alla luce, più grande diventa la tua ombra" Kingdom hearts

Avatar utente
Marco repainter
Messaggi: 1348
Iscritto il: lun 20 apr 2015, 16:38
Località: Provincia di Ancona

Re: Manga, anime, serie tv - le recensioni del suino

Messaggio da Marco repainter » mer 15 gen 2020, 18:34

Drakan ha scritto:
mer 15 gen 2020, 18:24
Spero di trovare ancora interessanti spunti e che possa piacervi leggere i miei personali giudizi :mrgreen:
Cavolo sì! :rock:
Drakan ha scritto:
mer 15 gen 2020, 18:24
Ps: un consiglio... ho intenzione di comprarmi in futuro sia il manga di Jojo (di cui sicuramente recensirò l'anime)
:sbav: , :sbav: e ancora :sbav:
"Banca MediolARM: costruita intorno al rep" cit. Michelangelo :lol2: :lol2: :lol2:
"Una RRN senza bonus è come una corsa ai ladder, con la differenza che non c'è un tasto di restart
e che gli altri saranno sempre migliori di me."
ARM Card

Avatar utente
Drakan
Messaggi: 4716
Iscritto il: sab 10 lug 2010, 13:42
Località: Cimbergo
Contatta:

Re: Manga, anime, serie tv - le recensioni del suino

Messaggio da Drakan » ven 24 gen 2020, 19:08

Questa volta, per la recensione, nonostante gli ottimi anime usciti nel 2019 (e sono davvero tanti e tutti altrettanto ottimi, di cui vi parlerò appena leggo anche i manga) ho deciso di prendere qualcosa di breve, ma al contempo piuttosto famoso

Elfen lied
Immagine
Immagine

Manga: 12 volumi (concluso)
Anime: 13 episodi, 25 min (concluso)
Genere: thriller, psicologico, splatter, fantascienza
VOTO: 6

Trama: La storia è ambientata nel Giappone moderno, Kamakura, nell’area cittadina e in un’area segreta (gestita da Kurama) dove vengono tenute recluse delle creature chiamate Diclonius, dei mutanti simili ad elfi, con due corna/orecchie sulla testa
SpoilerMostra
e braccia invisibili chiamati vettori, e che li rendono dotati di una forza sovrumana, in grado di distruggere il mondo intero.
Per tale motivo vengono tenuti in prigione e usati per esperimenti, ma un una di loro, Lucy, riesce a fuggire in mare e ad arrivare a Kamakura.
Qui incontra due ragazzi, Kota e sua cugina Yuka,
SpoilerMostra
che la ritrovano priva di memoria e con una personalità del tutto differente, come quella di una ragazza spaesata e indifesa, e
che la portano con loro ospitandola in casa (a villa Kaede), dandole il nome di "Nyu"
SpoilerMostra
unica parola che la diclonius riesce ora a pronunciare.
Tuttavia, i militari della struttura vengono mandati alla sua ricerca, e iniziano così una serie di scontri che portano spesso a battaglie brutali, le cui situazioni estreme portano man mano la ragazza a ricordare il suo passato prima che fosse intrappolata nella struttura SPOILER oltre che a recuperare la sua memoria, così come quella di Kota, che quando era giovane ha subito uno dei traumi più profondi della sua vita, ovvero la morte di suo padre e sua sorella SPOILER. Per aiutare al recupero di Lucy vengono inviate anche altre Diclonius addestrate, tra le quali Nana
SpoilerMostra
(allevata da Kurama come sua figlia)
e Mariko
SpoilerMostra
(la vera figlia del professore)
le quali si scontrano duramente con Lucy, con esiti diversi
SpoilerMostra
(Nana finisce poi in casa con i due ragazzi, mentre l'altra muore a seguito dello scontro)
. Nel corso della storia i due ragazzi incontrano anche una senzatetto scappata di casa, di nome Mayu, che finirà in casa assieme a loro. La maggior parte delle puntate viene incentrata sul riemergere dei ricordi dei protagonisti su fatti avvenuti in passato
SpoilerMostra
(come il periodo di Lucy passato all'orfanotrofio e quello di Kouta trascorso con Lucy
Il susseguirsi degli eventi porterà infine ad uno scontro che coinvolgerà Mariko e Lucy in uno scontro all’ultimo sangue.
Si deve sottolineare, un po’ come accaduto per il trono di spade, che il manga e l’anime differiscono in molti punti, essendo la serie animata iniziata ad anime ancora non concluso e riadattata, soprattutto nel finale.
Luuungo spoiler:
SpoilerMostra
- Nell’anime Lucy affronta i soldati e viene sconfitta, tuttavia al termine della puntata si vede la sua sagoma dietro Villa Kaede, che lascia immaginare sia ancora viva.
- Nel manga invece, dopo il combattimento, Lucy torna a casa senza corna e con una personalità infantile. Pian piano comincia a parlare, ma dopo una serie di vicende Kouta deve ucciderla, per evitare che l’incapacità di Luci nel gestire la sua personalità malvagia finisca per distruggere il mondo. Il ragazzo si reca dove aveva incontrato Lucy per la prima volta, per molti anni, ma poi si rassegna alla sua scomparsa e sposa sua cugina Yuka. Il capitolo finale mostra Kouta con sua figlia che aveva portato a giocare in quel luogo, e che gli racconta di aver fatto amicizia con due bambine: queste sarebbero le due rincarnazioni delle personalità di Lucy, ovvero la bambina dell’orfanotrofio e di Nyu.
Nel manga inoltre vengono spiegati al meglio alcuni elementi secondari alla storia, come la situazione del capo dell’organizzazione che tiene prigionieri e Diclonius, di suo figlio, e della figlia, legati ai Vettori e agli umani nati con le corna.


Giudizio: Il grande successo e le grandi critiche che ha avuto questo anime mi hanno spinto a guardarlo, nonostante mi bastasse la trama iniziale per capire che non si trattava di qualcosa tipicamente di mio interesse. Ma dopo averlo visto posso capire sia parte degli aspetti negativi che di quelli positivi elencati dai molti fan e haters della serie, perché Elfen Lied sembra ai miei occhi essere un miscuglio di buoni propositi e pessime riuscite.
Partiamo dell’elemento splatter: sangue, arti mozzati, persone mutilate o esplose, carneficine spesso mischiate a discutibili e a volte indecenti scene di nudo… devo dire è stato un mix davvero strano, non molto gradevole, soprattutto nei casi di violenza gratuita, ma posso immaginare che questo fosse anche uno degli intenti del manga; la violenza è gratuita, non serve un motivo per ammazzare la gente, e così come un umano si diverte con gli insetti anche una Diclonius può spazzare via ogni umano sul suo cammino senza rimorso.
La trama di base è superficiale, e viene compensata solo degli intrighi amorosi e psicologici che intercorrono tra i personaggi principali. Diciamolo, le caratterizzazioni dei protagonisti e dei loro subalterni sono pessimi e noiosi: poco specifici, bassi elementi descrittivi, ad eccezione di tutto quel “Nyu Nyuuuu” che forse può risultare carino a un giapponese, ma che per me è stata una piaga per le orecchie; tuttavia, per come vengono mostrate e certe azioni che compiono, assumono più spessore di quanto un frame possa mostrare.
SpoilerMostra
Ad esempio: la ragazzina abbandonata con il suo cane e il terrore di vederlo morto da un momento all’altro; le tre personalità di Lucy e i suoi problemi sentimentali e di socializzazione, sempre in tensione tra un pace momentanea e uno scoppio di furibonda ira; la situazione delle due altre Diclonius, e dei loro problemi con il padre, con l’enfatizzazione di un rapporto di amore-odio, di chi non si sente accettato; poi i problemi di cuore tra la Kouta e sua cugina, che per lui prova un amore non corrisposto.
Una serie di situazioni al limite tra il tragicomico e lo psicotico, che alternano momenti di tensione a momenti di noia.
Mi trovo tuttavia ad ammettere che qualche nota positiva rimane al termine della serie, un fascino residuo simile a quello che avevo provato con anime come Wolf’s rain o Trigun, che ti fa quasi subito scordare le note negative o i buchi di trama a favore del contenuto generale. Il finale stesso ne è la prova, abbastanza buono nel suo insieme seppur diverso dal manga, al contempo triste e speranzoso, con quel senso di attesa che ti lascia la trottola che gira in Inception.
Tralasciando la parte introspettiva, agli occhi di uno spettatore qualsiasi questo anime non sarebbe altro che la rappresentazione di un mondo strano e perverso: un ragazzo che vive in un harem di minorenni, dove ogni occasione è buona per puntare su qualcosa di più spinto, o per fare progredire o retrocedere qualche relazione, alternato a periodi di violenza pura alla Rambo. Tuttavia, escludendo i primi due episodi incentrati esclusivamente sullo splatter, Elfen Lied offre comunque una buona storia, piacevole, che si sostiene sul desiderio di scoprire cosa accadrà a Lucy e alla sua relazione con il resto del gruppo
SpoilerMostra
, per capire quale delle sue personalità sarà quella a prevalere.
.
Infine, se i disegni non sono molto curati (ma dipende anche dal periodo) e le ambientazioni sono fiacche o comunque discutibili, una buona nota di merito può essere data dall'OST e alla sigla iniziale in particolare, con la sua lirica profonda accostata a continui richiami al mondo dell’arte e al concetto di amore.
Concludendo, come mia personale opinione, posso dire che non è certamente il capolavoro che tutti descrivono, ma se anche Evangelion ha ricevuto certe lodi non vedo perché questo non possa averne. Ne consiglio comunque la visione agli amanti del genere sentimentale, e a chi vuole provare qualcosa di diverso dai soliti canoni presenti negli anime.
"più ti avvicini alla luce, più grande diventa la tua ombra" Kingdom hearts

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti